Costa d'Avorio: torna a casa la salma di Laurent, il quattordicenne morto nel carrello di un aereo a Parigi

Sabato 22 Febbraio 2020
Costa d'Avorio: torna a casa la salma di Laurent, il quattordicenne morto nel carrello di un aereo a Parigi

La sua storia aveva commosso anche chi vuole le frontiere del mondo occidentale chiuse a chi bussa dai Paesi più poveri. Lui era Laurent  Barthelemy Ani Guibahi, come è stato accertato qualche giorno dopo la sua morte, grazie alla ricostruzione dei video di sorveglianza. Il suo corpo da quattordicenne ivoriano era stato ritrovato l’8 gennaio scorso nel carrello di atterraggio dell’aereo del volo Air France diretto a Parigi, sul quale era salito nel tentativo di raggiungere l’Europa. Un' Europa che solo dopo quasi due mesi ha rimandato in patria, in Costa d'Avorio, la salma del giovane per essere finalmente riconsegnata ai familiari ed avere sepoltura. Problemi burocratici  ed economici hanno infatti lasciato la salma a giacere nell'istituto di medicina legale a Parigi. 
Nella sua breve vita, Laurent aveva già conosciuto l’emigrazione. La sua famiglia è infatti originaria di un villaggio a 350 km da Abidjan, il villaggio dove verranno celebrati i funerali. Il desiderio di partire e migliorare le proprie condizioni accomuna molti coetanei di Laurent, la vita  nel Paese africano è molto dura soprattutto dal punto di vista economico.
Il piccolo migrante era arrivato già morto  allo scalo parigino di Roissy Charles de Gaulle dopo una notte in volo senza ossigeno e a 50 gradi sottozero. Secondo quanto finora ricostruito, è riuscito a penetrare in una breccia nella sicurezza dell'aeroporto ivoriano, si è arrampicato sulle ruote del carrello, infilandosi nell'alloggiamento dove poi il carrello stesso viene ritirato dopo il decollo. Mancavano pochi minuti alle 23, l'aereo si stava preparando al decollo verso il suo sogno proibito.
Un grande murale che ricorderà Laurent Barthélemy Ani Guibahi. Il comune di Parigi, attraverso l'assessore alla Cultura Christophe Girard, ha deciso di rendere omaggio al ragazzo ivoriano morto un mese fa nel vano carrello di un Boeing di Air France. "Per non dimenticare", ha spiegato Girard. L'opera sarà realizzata dallo street artist Christian Guemy, alias C215, noto per aver già fatto murales ispirati alle vittime degli attentati terroristi di Charlie Hebdo e del Bataclan, o per la serie di ritratti di Simone Veil di cui alcuni erano stati imbrattati l'anno scorso con delle svastiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA