CORONAVIRUS

Coronavirus: «Vietato l’ingresso ai cinesi», cartello choc sulla vetrina di un negozio, è polemica

Domenica 26 Gennaio 2020 di Alix Amer
Coronavirus: «Vietato l’ingresso ai cinesi», cartello choc sulla vetrina di un negozio, è polemica

Il proprietario di un negozio di dolci in Giappone ha vietato ai turisti cinesi di entrare per “proteggersi” dal killer coronavirus. Un cartello all’entrata dice “a nessun cinese è permesso entrare nel negozio”. Siamo a Hakone nella prefettura di Kanagawa, a sud di Tokyo. Questa dilagante paura avviene quando il Giappone ha confermato il suo terzo caso di coronavirus proprio oggi, secondo quanto riportato da Japan Times. La paziente è una donna trentenne di Wuhan, che è l’epicentro del virus, ed è arrivata in Giappone il 18 gennaio, ha spiegato il ministero della salute del Paese.

Coronavirus, primo contagio uomo-uomo al di fuori della Cina

Coronavirus, Wuhan è una città fantasma: stop alla circolazione delle auto
 

Resta inteso che il proprietario del negozio ha tradotto le parole utilizzando un’app. Ha detto al quotidiano locale Asahi Shimbun: «Voglio proteggermi dal coronavirus. Non voglio che i turisti cinesi entrino». Secondo lo Straits Times, l’insegna sul negozio conteneva anche parole offensive come “gruppo etnico assurdo” e altre frasi poco carine. Il proprietario ha detto che avrebbe riscritto il messaggio per evitare tali espressioni, ma il divieto rimarrà. Un utente di Weibo, il sito cinese di microblogging, ha condiviso un’immagine del cartello e ha scritto: «Anche se il testo tradotto non ha senso, si può sentire la forte malizia».

Tutto questo si inserisce in un contesto di forte allerta: 19 nuovi potenziali casi di coronavirus sono emersi ieri nel Regno Unito. Un caso è stato confermato anche ieri sera  a Melbourne in Australia. Tre casi sono stati confermati ieri in Francia. Un uomo di 48 anni è in ospedale nella città sud-occidentale di Bordeaux. L’altro caso è a Parigi. Intanto le autorità affermano che il numero di infezioni confermate in Cina è salito a 1.287, con 41 morti. Si ritiene che la vittima più giovane abbia 36 anni. Il governo cinese ha eliminato le celebrazioni per il capodanno lunare nel tentativo di impedire la diffusione del virus.

Le principali attrazioni turistiche come il parco a tema Disneyland di Shanghai, la sezione Badling della Grande Muraglia Cinese e la Città Proibita di Pechino sono state chiuse. I divieti arrivano quando 18 città cinesi sono state chiuse, il che colpisce 56 milioni di persone.

A sette milioni di persone a Huanggang è stato detto di non andarsene e almeno un milione di residenti a Ezhou non sono in grado di viaggiare dopo la chiusura delle stazioni ferroviarie. I servizi di trasporto sono stati sospesi nelle città più piccole di Xiantao, Zhijiang, Qianjiang, Chibi, Jingmen, Xianning, Huangshi (compresa Daye City, Contea di Yangxin), Dangyang, Enshi, Yichang e Xiaogan.

Nella città di Zhijiang, tutti i locali pubblici sono stati chiusi ad eccezione di ospedali, supermercati, mercati degli agricoltori, distributori di benzina, ha riferito Hubei Daily. Anche i luoghi di intrattenimento al chiuso nella città di Enshi erano chiusi.

Ci sono oltre 1.300 casi a livello globale, ma un nuovo rapporto prodotto dalla Lancaster University in Inghilterra, dalla University of Florida e dalla University of Glasgow afferma che viene diagnosticato solo il 5% di tutti i casi di coronavirus. Il dottor Jonathan Read, un ricercatore di biostatistica di Lancaster, ha scritto ai colleghi che dal 4 febbraio la modellazione mostra che il numero di persone infette a Wuhan è superiore a 250.000, ma che potrebbe colpire 351.396

Ultimo aggiornamento: 19:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma