CORONAVIRUS

Coronavirus, la mamma di Seattle che ha sperimentato il vaccino: «Volevo fare qualcosa per gli altri, sto bene»

Martedì 24 Marzo 2020

«Volevo fare qualcosa per gli altri». Jennifer Haller, 43 anni e madre di due figli, si è offerta volontaria per sperimentare per prima il vaccino allo studio per il coronavirus.  «Ci sono così tanti milioni di americani che non hanno gli stessi privilegi che mi sono stati dati», afferma la donna di Seattle che ora lavora da casa per una piccola azienda tecnologica. «Stanno perdendo il lavoro. Sono preoccupati di pagare le bollette, di nutrire la loro famiglia».

Il vaccino sperimentale chiamato mRNA-1273 le ha provocato un po' di dolore al braccio, «ma a parte questo nessun effetto collaterale», racconta la donna, come riferisce Npr. Lei dice di essere stata contenta di essersi offerta come prima volontaria.

Coronavirus, l'infettivologo: «Attenti anche ai comportamenti in casa»

Lo studio. I vaccini in genere impiegano anni per svilupparsi e commercializzarsi. Sono sottoposti a test sugli animali per assicurarsi che non siano solo efficaci, ma sicuri. La dose iniettata ad Haller è stata sviluppata dal National Institutes of Health e dalla società di biotecnologia Moderna Inc., con sede nel Massachusetts. Non utilizza alcuna forma di virus vivo o indebolito, quindi Haller non può contrarre il coronavirus dal vaccino. Ciò non significa che non ci siano rischi. La donna ha dovuto firmare una rinuncia di 45 pagine solo per iscriversi alla sperimentazione. Nonostante l'incertezza, Haller afferma di aver accettato di fare la volontaria per una sensazione di impotenza. «Era solo qualcosa che potevo fare e che volevo fare».

Coronavirus, vaccino italiano: ad aprile il primo risultato dei test

Coronavirus, accelera la corsa al vaccino. Italia apripista in Europa

Tempi record. Il vaccino somministrato a Haller è stato sviluppato in tempi record, secondo il dottor Tal Zaks, il capo ufficiale medico di Moderna. «Siamo stati in grado di farlo basandoci sul fatto che la nostra tecnologia inizia con le informazioni digitali. Quindi non abbiamo avuto bisogno del virus fisico, ma solo delle informazioni». Invece di usare parti di un virus ucciso per provocare un sistema immunitario, Moderna, lavorando con l'NIH, ha creato una molecola di RNA sintetica una volta identificato il virus dietro l'epidemia di Wuhan, in Cina.

Coronavirus, mamma di 43 anni è la prima a testare il vaccino anti Covid-19: «Per me è una grande opportunità»

La ricerca. All'inizio di gennaio, pochi giorni dopo l'identificazione del virus, i ricercatori hanno progettato particelle di virus sintetico che sperano possano convincere il corpo a produrre anticorpi contro il coronavirus. Il 16 marzo Haller e altri tre partecipanti allo studio sono stati i primi a essere vaccinati. Zaks afferma che 45 pazienti parteciperanno allo studio, ciascuno a tre diversi livelli di dose. Moderna è uno dei almeno 20 produttori di farmaci in tutto il mondo che lavora su potenziali vaccini e trattamenti con coronavirus.

Coronavirus, allarme di un imprenditore: «Commercializzo farmaco ora richiestissimo, ma la produzione non basta»

Trump. Il presidente Trump ha detto ai dirigenti farmaceutici di voler vedere un vaccino sviluppato negli Stati Uniti per assicurarsi che controlli le forniture. I soggetti dello studio NIH-Moderna riceveranno un programma di vaccinazione a due dosi, a distanza di 28 giorni. Haller tiene un registro della sua temperatura e di tutti i sintomi che potrebbe manifestare. Finora, dice, non ce ne sono state. Tutti i partecipanti saranno monitorati per un totale di 14 mesi. Esami del sangue regolari mostreranno se il vaccino sta attivando il loro sistema immunitario. I partecipanti allo studio riceveranno 100 dollari per ogni visita di laboratorio per un totale di 1100 dollari. Zaks dice di essere fiducioso nel processo. I funzionari della sanità pubblica non si aspettano che un vaccino sia pronto per l'uso diffuso per almeno 18 mesi.

Ultimo aggiornamento: 17:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA