CORONAVIRUS

Coronavirus, le Hawaii pagano i turisti per andarsene: 25mila dollari per rimandare a casa i visitatori

Venerdì 24 Aprile 2020

Turisti pagati per andarsene dalle Hawaii. Succede durante l'emergenza coronavirus: lo riportano i media Usa, secondo cui l'autorità per il turismo dello stato americano ha stanziato 25.000 dollari per coprire i costi necessari ad allontanare i visitatori se questi si rifiutano di rispettare la quarantena di 14 giorni imposta dalle autorità.

Coronavirus, il virologo Pregliasco: «Dati confortanti, condizioni favorevoli per la Fase 2. Milano e Brescia in ritardo»
Coronavirus, il lavoro nella fase 2: dalle mascherine alla sanificazione tutte le regole per il ritorno in ufficio

«La possibilità di riportare rapidamente le persone nei loro luoghi di origine durante la pandemia è di grande aiuto alla capacità delle forze dell'ordine di garantire il successo delle nostre misure di emergenza», ha affermato il procuratore generale delle Hawaii, Clare Connors. La Visitor Aloha Society organizza il viaggio di ritorno e paga il biglietto se il visitatore non può permetterselo. Procedura effettuata sino ad ora da 19 persone (i trasgressori sono anche stati perseguiti per reati minori e costretti a pagare una multa). Il governatore delle Hawaii David Ige ha istituito un'auto-quarantena obbligatoria di due settimane per tutti i visitatori stranieri e per i viaggiatori che si sono recati nelle isole dal 1 aprile. Inoltre, le autorità da quel momento hanno incoraggiato i turisti a non recarsi nello stato, dove sono stati registrati ad oggi 596 casi e 12 decessi.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA