CORONAVIRUS

Coronavirus, auto in coda per 20 km per tornare a casa in Serbia. Il premier: «Non tornate in patria»

Mercoledì 18 Marzo 2020
https://www.ilmessaggero.it/t/coronavirus/

Le autorità di Belgrado hanno nuovamente invitato oggi i serbi che vivono e lavorano all'estero a non tornare in patria per non contribuire al contagio del coronavirus e non appesantire eventualmente la situazione delle strutture sanitarie nazionali. In una conferenza stampa la premier Ana Brnabic ha parlato di incredibili code di auto fino a 20 km alle frontiere con Ungheria e Croazia. Dal 14 marzo fino a stamane, ha detto, sono tornati in patria oltre 65 mila serbi.

Coronavirus, Merkel parla alla nazione: «Evitare collasso ospedali». Ipotesi "quarantena" oltre il 3 aprile in Italia

«La nostra preghiera è che restiate nei Paesi dove risiedete, poichè in Serbia è necessario mettersi in isolamento per 14 o 28 giorni ed è difficile controllare i movimenti. E in ogni caso il nostro sistema sanitario è già sotto forte pressione», ha affermato Brnabic che ha parlato di un numero «incredibile» di ritorni in patria.
 

Restare nei Paesi dove vivete e dove il sistema sanitario è più forte e ricco sarebbe un atto di «patriottismo», ha aggiunto, sottolineando come attualmente in Serbia vi sono forti restrizioni, con gli ultra 65enni che non possono uscire di casa, e il coprifuoco notturno dalle 20 alle 5. La premier non ha mancato di criticare anche i tanti calciatori serbi che tornano da Paesi esteri, «dove hanno contratti milionari», e che non osservano in Serbia l'obbligo dell'autoisolamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Dalla candeggina ai contagi: ecco le bufale su cani e gatti

di Marco Pasqua