CORONAVIRUS

Coronavirus, due contagiati ripartiti da Roma: task force per rintracciare chi ha incontrato i malati

Domenica 9 Febbraio 2020 di Mauro Evangelisti

Nono piano del palazzo della Regione Lazio. Su un lungo tavolo ci sono fogli, tablet e caffè, che qui scorre a litri visto che non c'è tempo per fermarsi. Questa è la sede della task force sul coronavirus. Anzi, come ormai li chiamano nei corridoi, qui ci sono «i cacciatori di virus», un gruppo di medici ed esperti che da settimane sta lavorando senza sosta per individuare e analizzare tutti i casi sospetti, studiarli minuziosamente, ricostruendo, tappa dopo tappa, gli spostamenti del possibile contagiato, per capire chi ha incontrato, dove è andato, con chi ha avuto contatti. «Sono il nostro fiore all'occhiello - dice l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato - e fanno quasi un lavoro da investigatori, che si unisce alle loro competenze sanitarie». In sintesi: ipotizziamo che da un pronto soccorso arrivi la segnalazione di un caso sospetto. In prima battuta, se ci sono elementi concreti che giustifichino il sospetto (i sintomi di febbre o tosse, un viaggio recente nelle zone a rischio, ma anche un contatto con una persona che ha visitato quei luoghi) inizia, certo, il lavoro degli esperti dello Spallanzani che devono procedere con i test. In parallelo, però, comincia l'attività meticolosa di approfondimento della task force che indaga sui luoghi frequentati, i mezzi di trasporto utilizzati, le persone incontrate. Si passano al setaccio biglietti aerei, liste dei passeggeri, prenotazioni negli hotel, si ascoltano i soggetti sotto esame.

Coronavirus, oggi lo sbarco degli studenti da Wuhan: ma il 17enne rimane in Cina

Coronavirus, due contagiati fantasma ripartiti da Roma: in Italia per dieci giorni

DETECTIVE
Spesso è un lavoro inutile, per fortuna nella maggior parte dei casi poi il test è negativo. Ma se al contrario (come avvenuto con i due turisti cinesi che si sono sentiti male in un hotel romano e con l'italiano rimpatriato da Wuhan) spunta un test positivo, bisogna avere già pronta la lista delle persone da informare e isolare. Quasi sempre è un isolamento a domicilio, in cui la persona deve restare a casa, risponde a una chiamata periodica a un telefono fisso e riceve la visita di un medico. In altri casi, come è successo con il gruppo di cinesi (comunque risultati negativi al test sul coronavirus), che hanno volato tra Pechino e Malpensa nelle file vicine ai posti dei due turisti ricoverati allo Spallanzani, sono ospitati in strutture ricettive isolate. In sintesi questo tipo di indagine e di ricostruzione avviene circa dieci volte al giorno, un lavoro incessante. Ma non è frustrante, visto che quasi sempre poi si rivela inutile? «No, al contrario. Applichiamo il principio di massima precauzione, l'obiettivo primario è fermare la diffusione del contagio e solo in questo modo, anche grazie alla collaborazione sul territorio delle Asl, ci si fa trovare pronti se c'è un caso positivo» racconta il dottor Francesco Vairo, del Seresmi (Servizio Regionale per Epidemiologia, Sorveglianza e Controllo delle Malattie Infettive), guidato dalla dottoressa Paola Scognamiglio. Oltre a loro, della task force fanno parte anche i dottori Alessandra Barca, Enrico Di Rosa, Giuseppe Spiga, Antonio Miglietta, Stefania Iannazzo e Domenico Ientile. E nella task force, che normalmente lavora a 360 gradi su tutte le segnalazioni legate alle malattie infettive, fanno parte anche Spallanzani, Bambino Gesù, 118, le direzioni regionali. D'Amato coordina la task force e ripete: «Il sistema di vigilanza messo in piedi ci consente di rispondere in termini molto rapidi». In parallelo, anche su richiesta del Ministero della Salute che ha coinvolto tutte le regioni, sono stati individuati posti letto in strutture differenti dallo Spallanzani. E s'individuano strutture in cui isolare chi va in quarantena, così come avviene al Celio e alla Cecchignola per chi è tornato da Wuhan. In caso di quarantena ampliata a chi proviene anche dal resto della Cina (al momento extrema ratio) servirebbero molti più locali. D'Amato però lancia un invito: «Chi sospetta di essere stato infettato, non vada in pronto soccorso o dal medico. Si rivolga telefonicamente al 1500, al 112 o al proprio medico, dove avrà le informazioni necessarie. Se servirà, sarà inviata un'ambulanza sul posto».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA