CORONAVIRUS

Coronavirus, «Scegli 10 amici che vuoi incontrare»: così il Regno Unito prepara la Fase 2

Sabato 25 Aprile 2020
Coronavirus, «Scegli 10 amici che vuoi incontrare»: così il Regno unito prepara la Fase 2

Scegliete 10 persone che volete incontrare. Gli inglesi potrebbero cominciare così la fase 2 di allentamento delle misure di distanziamento per il coronavirus. Il governo del Regno Unito sta prendendo in considerazione la possibilità di ampliare la socializzazione in famiglia e fuori con delle piccole "bolle" di persone, mentre pianifica una strategia di uscita più ampia.

Coronavirus, tredicenne morto da solo In Gran Bretagna. Il principe Carlo: «Mi ha spezzato il cuore»

La mossa amplierebbe l'attuale consiglio - perché in Inghilterra non esiste alcun obbligo - di "rimanere a casa" per includere pasti e altre attività sociali con parenti stretti e amici. Significherebbe anche che le coppie che non vivono insieme possono trascorrere del tempo insieme. Ma per ora la maggior parte delle persone avrebbero nominate solo una o due famiglie come parte del loro "cluster" e non avrebbero intenzione di socializzare con nessun altro.

E proprio oggi il premier scozzese Nicola Sturgeon ha detto che il governo sta esaminando la proposta come un modo possibile per allentare le restrizioni. Ma il Primo Ministro ha avvertito se l'idea dovesse divenire realtà «devono essere le stesse persone giorno per giorno, settimana per settimana» per evitare che Covid-19 venga trasmesso. L'idea è stata anche presa in considerazione dal governo britannico, riporta Mail Online.

Una fonte di Westminster ha dichiarato al quotidiano: «Se riusciamo a trovare un modo per consentire un po 'più di flessibilità senza rischiare la trasmissione della malattia che corre più in alto, lo faremo». Piani simili vengono presi in considerazione, per esempio, anche in Belgio.  Ieri Sturgeon ha pubblicato un documento di 26 pagine in cui si afferma che le attività all'aperto potrebbero riprendere e le aziende potrebbero riaprire se riescono a mantenere i clienti e il personale a 2 metri di distanza.

Il Primo Ministro ha anche suggerito che le scuole potrebbero riaprire con le modifiche necessarie in alcune classi. Il segretario alla salute Matt Hancock ha rifiutato di commentare in dettaglio il piano per l'intero Regno Unito. Ma oggi ha affermato che il piano di Sturgeon era "essenzialmente una reiterazione" dei suoi "cinque punti" su quando il blocco può essere rilassato: ovvero il servizio sanitario nazionale sarà in grado di far fronte ai ricoveri; una diminuzione prolungata dei decessi; una disceza delle infezioni a tassi "gestibili"; test e tamponi adeguati; e nessun rischio di un secondo picco.

Sturgeon ha dichiarato alla Bbc Radio Scotland che non è stata presa alcuna decisione in merito a tale accordo "a bolle". Ma ha detto che vuole sentire il popolo che capire la via da seguire. Sturgeon ha detto: «Ci manca tutti vedere i nostri cari, quindi tutti vogliamo andare oltre il più rapidamente possibile. Ogni paese sta prendendo queste decisioni, nessuno di noi è ancora in questa pandemia, ma alcuni paesi stanno iniziando a guardare leggermente espandendo ciò che le persone definirebbero come la loro famiglia - incoraggiando le persone che vivono da sole forse a confrontarsi con qualcun altro che è da soli o un paio di altre persone per avere quasi una specie di bolle di persone».

Scuole tra le prime a riaprire
Matt Hancock, segretario alla salute, ha dichiarato oggi che il fattore chiave per facilitare il blocco sarà la velocità con cui il numero di nuovi casi si riduce. Una volta semplificato il blocco, il fattore chiave per mantenerlo in questo modo sarà un programma "test and trace". Circa 18.000 funzionari vengono assunti per monitorare eventuali contatti con il virus, con l'aiuto di un'app Nhs. Hancock ha affermato che questo programma potrebbe consentire al Regno Unito di "contenere" il numero di casi con "minori restrizioni". Ma ha rifiutato di dire quali settori della società potrebbero aprire per primi. I ministri hanno precedentemente affermato che i pub e i ristoranti saranno tra gli ultimi a riaprire, e le scuole dovrebbero essere tra le prime.

Ultimo aggiornamento: 15:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA