CORONAVIRUS

Coronavirus, documento segreto Gb: durerà un anno. Regno Unito teme 300mila vittime

Domenica 15 Marzo 2020
2
Coronavirus, documento segreto Gb: durerà un anno. Regno Unito teme 8 milioni di ricoveri

L'epidemia di coronavirus è destinata nelle previsioni a durare per un anno, fino alla primavera del 2021. Lo si legge in un documento segreto redatto dal Public Health England per i responsabili del servizio sanitario nazionale britannico (Nhs) svelato dal Guardian.

Coronavirus e terapie intensive/È il momento d’essere europei, la Germania faccia un gesto - di Luca Ricolfi

Coronavirus, Spagna e Francia chiudono: positiva la moglie di Sanchez. Trump negativo. Usa, 50 morti

In questo arco di tempo, per quel che riguarda il Regno Unito, gli esperti che hanno firmato il rapporto affermano di aspettarsi un 80% della popolazione contagiata e un totale di 7,9 milioni persone costrette man mano al ricovero negli ospedali.

Coronavirus, il New York Times: «Fino a 1,7 milioni di morti nello scenario peggiore Usa»
Coronavirus, Inghilterra: con contagio 60% popolazione avremo "immunità di gregge". Johnson: «Moriranno molti cari»
 


Il documento afferma che: «Si prevede che l'80% della popolazione sarà infettata da Covid-19 nei prossimi 12 mesi e fino al 15% (7,9 milioni di persone) potrebbe richiedere il ricovero in ospedale». La previsione è stata elaborata in questi giorni dal team di preparazione e risposta alle emergenze di Phe e approvato come accurato dalla dottoressa Susan Hopkins, il principale funzionario di Phe che si occupa dell'epidemia. È stato condiviso con i capi dell'ospedale e i medici senior dell'Nhs in Inghilterra.
 

«Per il pubblico sapere che potrebbe durare per 12 mesi potrebbe essere controproducente, le persone saranno davvero arrabbiate per questo e piuttosto preoccupate per quello», ha detto Paul Hunter, professore di medicina all'Università dell'East Anglia al Guardian. «Penso che si tufferà in estate, verso la fine di giugno, e tornerà a novembre, come fa la solita influenza stagionale. Penso che rimarrà per sempre, ma diventerà meno grave nel tempo, man mano che l'immunità aumenta», ha aggiunto.

L'ammissione che il virus continuerà a causare problemi per un altro anno, quindi, sembra minare le speranze che l'arrivo di un clima più caldo questa estate lo ucciderebbe. Il documento rivela inoltre che circa 500.000 dei 5 milioni di persone ritenute vitali perché lavorano "in servizi essenziali e infrastrutture critiche inglesi" si ammaleranno in qualsiasi momento durante un picco dell'epidemia di un mese.

Da ora in poi  - spiegano gli esperti della sanità inglese - verranno testati solo i malati molto gravi che sono già in ospedale e le persone nelle case di cura e nelle carceri in cui è stato rilevato il coronavirus. I servizi di test sono sottoposti a tale stress che anche il personale del Servizio sanitario nazionale non sarà tamponato, nonostante il loro ruolo chiave e il rischio che essi trasmettano il virus ai pazienti.

DA 300MILA A MEZZO MILIONE DI MORTI
Una figura di alto livello del Ssn coinvolta nella preparazione della crescente "ondata" di pazienti le cui vite sono state messe a rischio da Covid-19 ha affermato che un tasso di infezione dell'80% potrebbe portare alla morte di oltre mezzo milione di persone. Se il tasso di mortalità risulta essere l'1% che molti esperti usano come ipotesi di lavoro, ciò significherebbe 531.100 decessi. La modellistica fatta da scienziati britannici e globali, afferma che i numeri dei casi saliranno rapidamente nelle prossime 10-14 settimane. Ciò significherà un picco tra la fine di maggio e la metà di giugno, quando il Ssn subirà una forte pressione. La strategia di tutti i paesi è di ritardare quel picco e allungarlo per un periodo di tempo più lungo, in modo che i servizi sanitari siano in grado di far fronte meglio.

Esiste anche la possibilità che entro quel momento saranno disponibili nuovi trattamenti. Dopo il picco, si prevede che il numero dei casi e i decessi diminuiranno per 10 settimane o più, fino a raggiungere un livello abbastanza basso, che potrebbe non essere zero. Soprattutto nei mesi estivi, il numero dei casi dovrebbe ridursi perché le persone trascorrono più tempo all'aperto e hanno meno probabilità di essere rinchiuse in spazi ristretti in piccole stanze in una casa o in ufficio con persone infette. C'è ancora il timore che il virus possa ripresentarsi nei mesi autunnali o invernali, il che significa che sarà necessaria una pianificazione a lungo termine.

Coronavirus, dall'Istituto superiore di sanità i suggerimenti per fare le pulizie in casa
Coronavirus, nave da crociera con 5 contagi isolata a largo delle Bahamas: nessun porto la vuole, mancano cibo e medicine
Coronavirus Italia: 24.747 casi, 2.853 in più. Morti 1.809 (+368), guariti 2.335 (+369)

In Gran Bretagna i casi salgono a 1.373, finora 35 morti. Sale a 1.373 il numero di contagi da coronavirus in Gran Bretagna mentre i decessi sono 35. Lo ha reso noto il ministero della sanità britannico sottolineando che nell'ultimo giorno si è registrato un aumento di un centinaio di infettati e 14 decessi in più.

Ultimo aggiornamento: 16 Marzo, 20:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi