CORONAVIRUS

Coronavirus, la Spagna sfiora i 20 mila morti. La Cina ritocca il numero di vittime: sono 1.290 in più. Usa, 670 mila casi

Venerdì 17 Aprile 2020
3
Coronavirus, la Cina corregge i conti: aggiunti 1.290 morti. Stati Uniti mai così male: 4.591 vittime in un giorno

Coronavirus, la Cina ha rivisto, a sorpresa, i conti dell'epidemia, conti che fin dall'inizio hanno sollevato perplessità in Occidente:  la città di Wuhan, il focolaio del Covid-19, ha annunciato i numeri di contagi e decessi aumentandoli, rispettivamente, di 325 unità a 50.333 e di 1.290 unità a 3.869 totali.

Coronavirus, arriva Immuni, l’app di tracciamento. Bruxelles: ma niente geolocalizzazione
Covid 19: test sierologici, l'indagine sarà doppia e ripetuta nel tempo

Il quartier generale municipale impegnato nella prevenzione e controllo del virus ha spiegato in una nota, secondo i media locali, che la «revisione è conforme a leggi e regolamenti, e al principio di essere responsabili verso la storia, le persone e i defunti». La mossa è destinata a dare altro slancio alle polemiche sull'affidabilità dei dati forniti.

Il numero di decessi in Cina a causa del Covid-19 sono saliti di quasi il 39%, a 4.632, dopo la revisione al rialzo per 1.290 nuovi casi che è stata annunciata oggi da Wuhan. La città focolaio della pandemia con 3.869 vittime, pesa adesso nella misura dell'83,5% sul bilancio delle vittime su scala nazionale. Il portavoce della Commissione sanitaria nazionale (Nhc), Mi Feng, ufficializzando le nuove statistiche, ha anche aggiornato i contagi, saliti di 325 unità, a 82.692, con la correzione apportata da Wuhan. 

Spagna verso i 20mila morti. Il bilancio dei decessi per coronavirus in Spagna è di quasi 19.500. Il ministero spagnolo della Sanità ha calcolato che nelle ultime 24 ore i decessi per coronavirus nel Paese sono 585, per un totale di 19.478. I nuovi contagi sono invece 5.252, che portano a 188.068 il totale delle persone che hanno contratto il covid-19 dall'inizio della crisi.

Le autorità sanitarie catalane considerano per la Catalogna superato il picco dei casi positivi al coronavirus l'8 aprile scorso, mentre l'11 aprile quello relativo ai ricoveri. A comunicarlo la consigliera catalana per la Sanità, Alba Vergés, la quale ha anche informato che gli affetti da covid-19 utilizzano il 75% dei letti disponibili nelle unità di terapia intensiva degli ospedali catalani, per un totale di 1.259. Lo riferisce l'agenzia Efe. 

Intanto i casi di coronavirus negli Stati Uniti sono oltre 670.000, per l'esattezza 671.425. I morti sono 33.286. È quanto emerge dai dati della Johns Hopkins University.

Jacksonville, Florida, riapre le sue spiagge al pubblico dopo quasi un mese, pur mantenendo le misure sul distanziamento sociale. Lo ha annunciato il sindaco Lenny Curry, convinto che la curva dei contagi e dei ricoveri si stia appiattendo. Le spiagge resteranno aperte dalle 6 alle 11 e dalle 17 alle 20 ogni giorno. La gente potrà fare il bagno e surfing a suo rischio e pericolo.(

Lo Stato di New York resterà chiuso fino al 15 maggio.  Lo Stato di New York resterà in lockdown fino al prossimo 15 maggio. Ad annunciare la proroga delle misure in atto per contenere la diffusione del coronavirus è stato il governatore dello Stato di New York Andrew Cuomo in conferenza stampa. Saranno gli esperti, ha aggiunto Cuomo, a decidere quando lo Stato di New York potrà riaprire. Una simile decisione non può essere né «politica», né «emotiva». Servono «dati e scienza. Qui stiamo parlando della vita delle persone», ha affermato.

«Liberate il Minnesota!». «Liberate il Michigan». «Liberate la Virginia e salvate il vostro secondo emendamento. È sotto assedio». Con tre distinti tweet Donald Trump sollecita la riapertura di altrettanti Stati soffiando sul fuoco delle proteste - anche armate - contro il lockdown per il coronavirus, che in questi ultimi giorni hanno preso di mira alcuni governatori, come quello del Michigan. Nel caso della Virginia c'è un riferimento alle nuove restrizioni sulle armi del governatore dem Ralph Northam. 

In Olanda. L'ultimo aggiornamento delle autorità sanitarie olandesi riferisce di 1.235 nuovi contagi da coronavirus accertati nelle ultime 24 ore (ieri erano 1.061), per un totale di 30.449 dall'inizio dell'epidemia. Sono invece 144 i nuovi decessi (-37), per un totale di 3.459, mentre i ricoveri segnalati sono 156 (-26), per un totale di 9.465.

Torna inoltre a salire il picco delle vittime anche in Gran Bretagna con 861 nelle ultime 24 ore e con i casi che hanno superato quota 100.000. Non è pari al record di vittime in un giorno di 980, toccato la settimana scorsa, ma il dato odierno è più alto dei 761 di ieri e del totale giornaliero indicato finora da altri Paesi europei. Lo certificano i dati diffusi oggi del dicastero della Sanità, portando la somma censita nel Paese a 13.839 vittime. I contagi diagnosticati superano intanto ora quota 103.000, con una curva d'aumento stabile. 

I medici morti in Italia. Si registrano altri due decessi tra i medici a causa dell'epidemia di Covid-19: sono Eugenio Inglese (ex primario di Medicina nucleare) e Vincenzo Frontera (medico di famiglia). Il totale, si apprende dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo), sale così a 129.

Coronavirus Fase 2, come ripartire: orari di lavoro scaglionati e bus con metà posti. E il nuovo decreto slitta

Coronavirus, dalla app ai test sierologici: le risposte del governo

Usa, 22 milioni di americani senza lavoro: bruciati 9 anni di crescita. Gli americani senza lavoro sono 22 milioni: hanno perso la loro occupazione nelle ultime quattro settimane con le chiusure disposte per contenere il coronavirus. I 22 milioni sono circa il numero netto dei posti creati in nove anni e mezzo di ripresa iniziata alla fine dell'ultima recessione nel 2009 fino all'arrivo della pandemia. I nuovi dati sulle richieste di sussidi mostrano come il 'Great Lockdown' sta avendo effetti su tutti i settori, in uno scenario sempre più da Grande Depressione che allontana la speranza di una ripresa a V.

Il numero di nuovi casi di coronavirus in Germania è cresciuto per il secondo giorno consecutivo, con 2.866 nuove infezioni, portando il totale a 130.450. Lo ha riferito il Robert Kock Institut. Il numero di nuovi casi registrato ieri era di 2.486. Anche il bilancio delle vittime ha registrato un incremento per il secondo giorno consecutivo, con 315 nuovi decessi (ieri erano stati 285), per un totale di 3.569. Secondo i dati del ministero della Salute riportati dalla Bild, i posti di terapia intensiva ancora disponibili nel Paese sono 10mila.

Perù, misure restrittive fino al 25 aprile.  Il bilancio dei contagiati e dei morti dovuti al coronavirus ha compiuto un altro deciso passo in avanti in Perù, dove nelle ultime 24 ore il numero dei pazienti risultati positivi è cresciuto di 1.000 unità attestandosi a quota 12.491, mentre le vittime sono salite a 274. Questo colloca il Perù al secondo posto per quantità di contagi dopo il Brasile e al quarto per persone decedute, dietro Brasile, Messico e Ecuador. Tenendo conto di questi risultati ancora poco incoraggianti, il presidente della repubblica, Martn Vizcarra, ha annunciato che, al fine di contenere l'avanzata del Covid-19, il governo ha deciso una estensione dello Stato di emergenza e dell'isolamento sociale obbligatorio fino al 26 aprile. 

Spagna, 19mila morti e 551 nelle ultime 24 ore. La Spagna registra ad oggi un totale 182.816 casi confermati di covid-19,con un nuovo aumento di contagi pari a 5.183, la cifra più alta dallo scorso 9 aprile. I decessi salgono a 19.130 con 551 nelle ultime 24 ore. Lo riferiscono i media locali.

Stato d'emergenza in tutto il Giappone. Il premier Shinzo Abe ha esteso su tutto il territorio, per coprire tutte le 47 prefetture, lo stato d'emergenza inizialmente dichiarato il 7 aprile per Tokyo e altre sei regioni. Lo riferisce l'agenzia Kyodo dopo le anticipazioni di questa mattina. L'obiettivo è contenere la diffusione del coronavirus nel Paese con 126 milioni di abitanti. 

 

 

 
 

Oms: non commettere errori adesso. «Non bisogna commettere errori adesso. Nonostante sia arrivata la primavera siamo ancora nel bel mezzo della tempesta». Lo ha detto il direttore generale dell'Oms Europa, Hans Kluge in una conferenza stampa sulla pandemia di coronavirus in Europa. «Alcuni Paesi devono ancora vivere l'impatto più forte, mentre in altri c'è un momento di calma con il numero di nuovi casi di Covid-19 che diminuisce», ha aggiunto. «Dei 10 Paesi nella regione che hanno avuto il più alto numero di casi di coronavirus», ha sottolineato il direttore dell'Oms Europa, Hans Kluge, «ci sono stati segnali ottimistici nei numeri in Spagna, Italia, Germania, Francia e Svizzera». Purtroppo, ha aggiunto, «il 50% del peso del Covid-19 è sull'Europa dove sono morte a causa del virus oltre 84.000 persone». «Su 300.000 test per il coronavirus effettuati in Europa, 1 caso di contagio su 13 riguarda gli operatori della sanità», ha ha detto la dottoressa Catherine Smallwood dell'Oms Europa durante una conferenza stampa. I dati su cui è basato questo calcolo sono quelli che ciascun Paese europeo invia all'ufficio regionale, ha spiegato la dottoressa esprimendo «preoccupazione» per medici, infermieri e altri lavoratori del settore.

Russia, 3.448 nuovi contagi. Aumentano i nuovi casi di Covid-19 accertati in Russia. Sono 3.448 i nuovi contagiati registrati nelle ultime 24 ore, ieri erano invece 3.388. Il totale sale così a 27.938 persone. Le vittime del nuovo virus in Russia sono ufficialmente 232, di cui 34 decedute nel corso dell'ultima giornata. Lo riferisce la task force nazionale contro l'epidemia nel suo bollettino quotidiano. Nella sola Mosca, una megalopoli di oltre 12 milioni di abitanti, si registrano 16.146 casi di Covid-19, di cui 1.370 accertati nelle ultime 24 ore. 

Germania, 315 morti in 24 ore. Mentre si appresta a uscire dal lockdown la Germania registra il dato peggiore per i decessi a causa del coronavirus dall'inizio dell'epidemia. Come ha reso noto il Robert Koch Institute, si sono verificati 315 morti in 24 ore, il numero più elevato in un singolo giorno, e il totale delle vittime del Covid-19 è salito a 3.569. I contagi sono aumentati di 2.866 a 130.450. Finora circa 77mila pazienti sono guariti dall'infezione, 4.500 in più rispetto alla precedente rilevazione. Dall'inizio dell'epidemia sono stati eseguiti circa 1,73 milioni di test per il coronavirus (dato di ieri) e secondo gli esperti questo è uno dei motivi che hanno permesso alla Germania di contenere l'impatto del coronavirus più che in altri Paesi europei, dove il numero dei decessi è molto più elevato. Il Land più colpito resta la Baviera con oltre 35mila casi di contagio e 1.049 decessi. La Germania riaprirà lunedì prossimo molti negozi, mentre le scuole riapriranno il 4 maggio. Gli-col

 

Ultimo aggiornamento: 23:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani