CORONAVIRUS

Coronavirus, Michel a Mattarella: «L'Italia non è sola, la sua risposta è un modello»

Venerdì 20 Marzo 2020

«L'Italia non è sola. Nessun Paese può farcela da solo in questa crisi. Nessun Paese deve farcela da solo: dobbiamo aiutarci e sostenerci l'un l'altro. È questa l'essenza vera della solidarietà europea ed il senso profondo della comunità di Stati e del modello di cooperazione che l'Italia ha così fortemente contribuito a costruire». Così il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, in una lettera al presidente della Repubblica Sergio Mattarella sull'emergenza coronavirus.

Coronavirus le telefonate di Mattarella ai leader dei partiti: «Collaborate fin dove è possibile»

Mattarella al Papa: «Grazie per la speranza che infonde agli italiani e per avere pregato a San Marcello»

«Caro presidente Mattarella, le scrivo in un momento di grave crisi per l'Italia e per l'Europa. Una crisi in cui la sorte ha assegnato al suo Paese il difficile, drammatico ruolo di essere la prima linea del fronte nel contrasto alla diffusione della pandemia del virus Covid-19 nel continente»,scrive il Così il leader del Consiglio europeo. «Sento innanzitutto - scrive - di dover rivolgere all'Italia tutta l'ammirazione non solo mia, ma anche dei membri del Consiglio europeo che ho l'onore di presiedere, per gli sforzi incredibili del personale sanitario, che lavora in condizioni emergenziali senza interruzione da settimane oramai, e per il lavoro instancabile della Protezione civile». «Osserviamo con emozione e con rispetto - aggiunge - il ruolo di pioniere assunto dalle autorità italiane nel gestire la risposta, con misure tempestive, estese e di grande impatto sociale per contenere la diffusione dell'infezione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani