Si sveglia dopo 12 anni di coma e trova la mamma 75enne al suo capezzale: «Lo ha accudito giorno e notte»

Mercoledì 7 Novembre 2018 di Emiliana Costa
Si sveglia dal coma dopo 12 anni e trova la mamma 75enne al suo capezzale: «Lo ha accudito giorno e notte»
Un uomo si è svegliato dopo 12 anni di coma e al suo capezzale ha trovato la madre 75enne che per oltre un decennio lo aveva accudito giorno e notte. La donna ha pianto di gioia nel vedere gli occhi di suo figlio aprirsi. Un sogno, quasi insperato, diventato realtà. L'anziana, negli anni, aveva speso tutti i suoi averi e aveva contratto un debito di circa 15 mila euro per occuparsi del figlio. E adesso il miracolo.

È obesa al punto che l'ambulanza non può caricarla. «Aiutatemi, devo andare in ospedale»
Intervento al cuore senza bisturi: l'ospedale veneto è il primo al mondo

La vicenda si è svolta a Shouguang, in Cina. Come riporta il Mail Online, l'uomo, Wang Shubao, era rimasto tetraplegico in seguito a un incidente automobilistico avvenuto nel 2006, quando aveva 36 anni. Il padre era morto quando lui era piccolo, così era rimasta solo la madre, Wei Mingying, come suo unico angelo custode.



Per 12 anni, la giornata di mamma Wei è iniziata molto presto, alle 5 del mattino. Lavava il viso di suo figlio, gli dava da mangiare, si prendeva cura dei suoi bisogni igienici, lo massaggiava e riposizionava il corpo per prevenire le piaghe da decubito. L'occuparsi dell'unico figlio era il centro della sua vita, ma non si è mai lamentata. «C'è stato un tempo  - spiega mamma Wei - in cui non ho mangiato per un mese intero perché eravamo così poveri. La mia bocca, la mia lingua erano completamente asciutte. Volevo solo bere acqua». La mamma-coraggio ha perso 20 chili nel corso degli anni e ora ne pesa appena 30. Ma è felice per aver ritrovato suo figlio.

Asia Argento insulta la madre Daria Nicolodi dopo il bacio con Corona: «Fott**i tro**a»

Wang non riesce ancora a parlare e a muoversi, ma può sentire e sorridere alla madre. «Sono solo felice - ha concluso mamma Wei -. Spero che si riprenda completamente. Non lo abbandonerò mai. Spero che un giorno possa chiamarmi di nuovo mamma». Ultimo aggiornamento: 17:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lo squillo di Vasco

di Marco Molendini