Collisione nel Tirreno tra due mercantili. Paura disastro ambientale nel santuario dei cetacei

Domenica 7 Ottobre 2018 di Remo Sabatini
Collisione nel Tirreno tra due mercantili. Paura disastro ambientale nel santuario dei cetacei
Collisione tra due grosse navi mercantili nelle acque a nord della Corsica. L'incidente è avvenuto all'alba di stamattina nel bel mezzo del Santuario dei Cetacei. La collisione non ha causato vittime tra gli equipaggi delle due navi mentre si continua a lavorare per scongiurare un disastro ambientale dato dallo sversamento in mare del carburante. L'incidente è avvenuto a circa 30 chilometri da Capo Corso e dai primi rilievi, la CSL Virginia, battente bandiera cipriota, una portacontainer lunga 300 metri, sarebbe stata speronata dalla motonave Ulisse, in acque internazionali a responsabilità francese.



Elicotteri e rimorchiatori di altura, inviati dalla Francia, in ottemperanza al piano di intervento RAMOGEPOL, istituito tra Francia (che ne ha chiesto l'attivazione) Italia e Principato di Monaco per la lotta contro gli inquinamenti marini accidentali nel Mediterraneo, sono giunti sul posto subito dopo l'incidente. Fortunatamente, le buone condizioni meteo, hanno facilitato le operazioni di soccorso.

Successivamente, come specificato dalla Capitaneria italiana, "anche la Centrale Operativa della Guardia Costiera italiana ha disposto l'invio, sul posto, di un aereo ATR42 per svolgere attività di monitoraggio. Inoltre, su direttiva del Ministero dell'Ambiente italiano, sono state inviate anche tre unità navali d'altura, mezzi Castalia: Nos Taurus di Livorno, Bonassola di Genova e Koral da Olbia, per l'utilizzo nelle attività di contenimento dello sversamento". 
Il Santuario dei Cetacei è uno degli ultimi paradisi naturali del Mediterraneo. Solcato da creature come balene e delfini, è un ambiente delicatissimo che sopporta un enorme traffico di navi e pescherecci di tutte le dimensioni. 

Tra i mezzi navali che stanno intervenendo sul luogo della collisione fra due motonavi nel mar Tirreno, in acque territoriali francesi vicino alla Corsica, c'è anche un rimorchiatore antinquinamento partito dal porto di Golfo Aranci, nel nord-est della Sardegna. Come apprende l'Ansa si tratta del Koral della Castalia, società che opera in convenzione con ministero dell'Ambiente per il contenimento di eventuali sversamenti di inquinanti in mare. Per il momento non è stato necessario far partire le motovedette della Capitaneria di Porto di stanza alla Maddalena.

  Ultimo aggiornamento: 9 Ottobre, 09:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma