Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Colletta da record, raccolti 2 milioni di euro per farmaco più costoso al mondo. Bambina con atrofia muscolare ora potrà camminare

Il farmaco «del colosso farmaceutico svizzero Novartis è il più costoso al mondo e un'iniezione spinale costa 2,1 milioni di dollari, secondo Clinical Trial Arena», scrive il sito dell'autorevole tv panaraba.

Raccolgono 2 milioni di euro per curare bambina con atrofia muscolare, ora potrà camminare
2 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 16:46

Una colletta in Egitto ha raccolto 40 milioni di sterline egiziane (più di due milioni di euro) per l'acquisto del carissimo farmaco Zolgensma che una bambina egiziana deve assumere prima di compiere due anni. Lo riporta il sito di Al Arabiya citando media locali. Il farmaco «del colosso farmaceutico svizzero Novartis è il più costoso al mondo e un'iniezione spinale costa 2,1 milioni di dollari, secondo Clinical Trial Arena», scrive il sito dell'autorevole tv panaraba.

Covid Lazio, il bollettino: 6.992 nuovi casi (4.084 a Roma) e 5 morti

Colletta da record, il farmaco acquistato

Il medicinale viene usato per curare i bambini di meno di due anni che soffrono di «atrofia muscolare spinale», una malattia genetica «che indebolisce i muscoli causando problemi di movimento», viene aggiunto citando il sito di Zolgensma. La bimba, Ruqayyah, che ha un anno e 11 mesi, soffre di atrofia muscolare spinale «di tipo 2» la quale colpisce gli arti inferiori. «A differenza dell'atrofia muscolare di tipo 1, che uccide la maggior parte dei bambini che ne soffrono prima dei due anni, la maggior parte» dei piccoli con questa malattia «di tipo 2 vive fino all'età adulta».

Le donazioni

Mohammed Suleiman, il padre di Ruqayyah, ha implorato donazioni e molti egiziani, inclusi importanti uomini d'affari, attori e atleti, hanno sostenuto la campagna donando denaro e usando social media per esortare altri a fare lo stesso su un conto supervisionato dal Ministero della Solidarietà Sociale egiziano. Fra gli altri, con un gesto ampiamente elogiato, gli studenti della Facoltà di Economia e Commercio dell'Università del Cairo hanno annullato la festa di laurea e donato alla famiglia di Ruqayyah i soldi già stanziati per la celebrazione. Video su social media mostrano persone che festeggiano davanti alla casa della famiglia, ad Alessandria, alla notizia che era stato raggiunto l'obbiettivo della colletta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA