Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cina supera la Russia, sviluppa sistema anti missili ipersonici: permette contrattacco con anticipo di tre minuti

Ricercatori militari cinesi sostengono di aver sviluppato una tecnologia a intelligenza artificiale

Cina supera la Russia, sviluppa sistema anti missili ipersonici: permette contrattacco con anticipo di tre minuti
di Alessandro Rosi
4 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Giugno 2022, 11:29 - Ultimo aggiornamento: 17:44

Se Mosca ha iniziato le esercitazioni con i missili ipersonici, la Cina avrebbe già pronta l'arma per difendersi dagli attacchi. Ricercatori militari cinesi sostengono di aver sviluppato una tecnologia a intelligenza artificiale (AI) in grado di prevedere la traiettoria di un missile ipersonico a planata mentre si avvicina a un bersaglio a una velocità superiore a cinque volte quella del suono, come riporta il South China Morning Post.

Guerra, Svezia invia armi all'Ucraina: missili antinave, lanciagranate e fucili. Da Stoccolma anche 5,7 milioni al fondo Nato

Sistema cinese anti missili ipersonici, come funziona

Individuare i missili ipersonici è estremamente difficile. Anche perché quando la munizione si separa dal razzo e si dirige verso il bersaglio viaggi a una velocità Mach 5, ovvero cinque volte quella del suono. La traiettoria è inoltre imprevedibile. C'è poi la capacità di entrare nello spazio e rientrare nell'atmosfera in un periodo molto breve che gioca un fattore chiave. Ma i ricercatori cinesi sembrano aver sviluppato un sistema di difesa aerea cinese dotato di intelligenza artificiale è in grado di prevedere la traiettoria potenzialmente letale di un'arma in arrivo e di lanciare un rapido contrattacco con un anticipo di tre minuti.

Stati uniti rincorrono la Cina

«La previsione della traiettoria è di grande importanza per la valutazione dell'intento di combattimento e l'intercettazione della difesa aerospaziale», hanno scritto Zhang Junbiao, un informatico del dipartimento di intelligence di allerta precoce dell'Air Force Accademia di allerta precoce a Wuhan, e il suo team nel Journal of Astronautics, una pubblicazione peer-reviewed gestita dalla Società cinese di astronautica. Queste affermazioni cinesi giungono in concomitanza con lo sforzo degli Stati Uniti di costruire e testare un sistema d'arma ipersonico in grado di eguagliare le capacità dei loro avversari, Cina e Russia.

Missili Himars e lanciarazzi, la svolta Ucraina. «La Russia cambia tattica. La risposta di Kiev»

 

Il ruolo chiave dell'intelligenza artificiale nell'intercettare i missili ipersonici

Un'arma ipersonica a planata, a differenza di un normale missile balistico, può muoversi nell'atmosfera come un sasso che salta sull'acqua e inclinarsi a destra o a sinistra, rendendo più difficile il rilevamento e l'intercettazione, secondo quanto riportato da SCMP. A una velocità di Mach 5 o superiore, il sistema di difesa aerea ha poco tempo per rispondere alla minaccia e si ritiene che la tecnologia attuale non sia in grado di intercettare un missile ipersonico. Zhang, invece, ritiene che l'intelligenza artificiale sia in grado di gestire compiti così imprevedibili e di sviluppare una difesa contro una traiettoria imprevedibile e una velocità incredibilmente elevata.

Putin sopravviverà alla guerra? «Se perde, sa che morirà». L'avvertimento dell'ex consulente del Pentagono

 

Il sistema di apprendimento

La parte che si difende normalmente non ha idea della massa, delle dimensioni, della forma, del sistema di controllo aerodinamico o dello scopo delle armi ostili, ma analizzando i dati di volo osservati, l'IA può formulare un'ipotesi abbastanza precisa. Secondo i ricercatori, ogni mossa compiuta da un missile trasmetterà alcuni segnali modesti ma utili sul suo design, sulle sue capacità e sulla sua missione, indipendentemente da quanto sia avanzato o veloce. Di conseguenza, un sistema di apprendimento automatico può imparare dai dati raccolti durante le prime fasi di un volo ipersonico e utilizzare queste informazioni per prevedere la traiettoria più probabile durante le fasi successive del volo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA