Chiuso a Jeddah il Red Sea International Film Festival: «Ponte tra culture diverse per una comunità globale»

Presenti in Arabia Saudita star da Noemi Campbell, Antonio Banderas, Isabella Adjani, a Paz de Vega, Mike Tayson e Jackie Chan

Chiuso a Jeddah il Red Sea International Film Festival: «Ponte tra culture diverse per una comunità globale»
di Rossella Fabiani
4 Minuti di Lettura
Venerdì 9 Dicembre 2022, 12:50

Con una grande festa piena di star, da Noemi Campbell, Antonio Banderas, Isabella Adjani, a Paz de Vega, Mike Tayson, Jackie Chan e le top model Toni Garn e Kelly Gale, si è chiusa la seconda edizione del Red Sea International Film Festival a Jeddah, in Arabia Saudita

“E questo è soltanto l’inizio”, ha detto Jomana Al Rashid, presidente della Red Sea Film Foundation e Ceo del Saudi Research and Media Gruop, dal palco del festival che “ha dato voce a quello che tutti abbiamo nel cuore: il cinema come ponte tra Paesi e culture diverse”. 

Incoraggiare i giovani a riconoscere la bellezza e aiutarli a creare qualcosa di unico e speciale è fondamentale, ha detto ancora Jomana Al Rashid, come pure fondamentale è riuscire a rappresentare la diversità di tutte le culture. “Continueremo su questa strada, è questa la nostra sfida: creare una comunità globale che possa supportarsi e possa sostenere il mondo del cinema”. Anche il presidente del festival, il produttore Mohammed Al Turki è salito sul palco e visibilmente emozionato ha detto che “è incredibile vedere tanti registi emergenti e tanti professionisti confrontarsi insieme per dare vita a un dialogo così ricco e così inestimabile”, prima di annunciare i vincitori di questa edizione.

Insieme a un premio speciale ritirato da Jackie Chan – che ha approfittato del palco del Red Sea allestito nel giardino del Ritz-Carlon Hotel per festeggiare i suoi sessant’anni di carriera – tante celebrità si sono alternate sul palco per dare i premi ai vincitori: dalla top-model Naomi Campbell alla star del cinema arabo, l’egiziana Yusra. Il premio Yusr d’oro (yusr significa corallo e il premio ha appunto la forma di un ramo di corallo) per il miglior film in concorso è andato a “Hanging Gardens” di Ahmed Yassin Al Daradji, una coproduzione di Iraq, Palestina, Egitto, Regno Unito e Arabia Saudita presentata anche a Venezia. Il film ha vinto anche il Silver Yusr for Best Cinematic Achievement.

Il Silver Yusr for Best Actor è andato ad Adam Bessa per “Harka”, un film che ha visto la partecipazione di Tunisia e Francia. Come miglior attrice è stata premiata, invece, Adila Bendimerad, protagonista di “The last queen”, film algerino in costume, mentre il premio per la miglior sceneggiatura è stato assegnato al film iraniano “A childless village” di Reza Jamali. Il Silver Yusr Jury Prize, premio speciale della giuria presieduta dal regista americano e premio Oscar, Oliver Stone, è andato a “Within sand” di Mohammed Alatawi, film dell’Arabia Saudita. E il Silver Yusr per il miglior regista, infine, lo ha vinto Lotify Nathan per il film “Harka”.

“È stato magico per me valutare 16 film eccezionali che hanno parlato di bellezza, di dolore, di sofferenza e di una gran voglia di vivere”, ha detto Oliver Stone in un videomessaggio proiettato sul maxi-schermo del palco. Tra gli applausi del pubblico sono stati assegnati tutti gli altri premi del festival: l’Audience Award Best Saudi Film a “How I got there” di Zeyad Alhusaini; l’Audience Award for the Best Film ad “Ajdomma” di He Shuming della Corea del Sud e Singapore; il Red Sea Virtual Reality Award Silver Yusr a “Eurydice” di Celine Daemen (Olanda); il Gold Yusr a “From the main square” di Pedro Harres (Germania); il Silver Yusr for Best Short Film a “Will my parents come to see me” di Muhamed Bashir Harawe (Somalia, Austria e Germania), e, infine, il Golden Yusr for the Short Film a “On my father grave” di Jawahine Zentar (Marocco, Francia). Sarah Taibah, ha vinto il premio The Young Rising Star di Chopard, sponsor della manifestazione. E con una pioggia di stelle filanti rosse che cadono dal cielo si è chiuso il sipario sulla seconda edizione del Red Sea International Film Festival.

© RIPRODUZIONE RISERVATA