Centrale nucleare di Zaporizhzhia attaccata, la notte del terrore: ecco cosa sappiamo

Centrale nucleare di Zaporizhzhia attaccata, la notte del terrore: ecco cosa sappiamo
5 Minuti di Lettura
Venerdì 4 Marzo 2022, 10:29

Le forze militari russe hanno preso il controllo della centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia, la più grande d'Europa, dopo una notte di angoscia per i possibili rischi derivanti dal bombardamento dello stabilimento, denunciato dal presidente Zelensky come un atto di «terrore nucleare». Il secondo round dei colloqui diretti fra Ucraina e Russia sulla frontiera con la Bielorussia si è chiuso con un nulla di fatto, tranne una intesa sull'apertura di corridoi umanitari per evacuare i civili dalle città, sotto il fuoco dei bombardamenti.

Centrale nucleare Zaporizhzhia, la più grande d'Europa: i 6 reattori (di vecchia generazione) e la radioattività

Il personale sta monitorando

Secondo le autorità ucraine stamane «il personale operativo sta monitorando le condizioni delle unità di potenza» della centrale, dopo che è stato domato l'incendio scoppiato nella notte, senza che si siano registrate vittime o fughe radioattive. L'attacco a Zaporizhzhia ha causato forte allarme nel mondo intero durante la notte: tanto Kiev come l'agenzia atomica dell'Onu (Aiea) e il presidente americano Joe Biden, hanno chiesto a Mosca di sospendere le operazioni militari intorno alla centrale. Il premier britannico Boris Johnson, ha detto di voler convocare d'urgenza il Consiglio di Sicurezza dell'Onu. E mentre la Borsa di Mosca resta ancora chiusa oggi, per il quinto giorno consecutivo - un record storico per il Paese - la situazione in Ucraina, e in particolare l'attacco alla centrale nucleare, hanno trascinato verso il rosso i mercati asiatici, che hanno terminato l'ultima seduta della settimana in sostenuto calo: Tokyo ha chiuso a -2,23%, Hong Kong a -2,69%, Shanghai a -0,96%, Shenzhen a -1,28% e Seul a -1,22%. Anche le Borse europee aprono in decisa flessione: Francoforte cede l'1,55%, Parigi l'1,1% e Londra lo -0,66%, mentre a Milano l'Ftse All share è in ribasso dell'1% netto.

 

Chernobyl, ecco perché le radiazioni aumentano. «Sparare sulla cupola significherebbe ripetere l'incidente»

Petrolio alle stelle

Il petrolio segna stamane un incremento dell'1,22% del Wti del Texas a 108,9 dollari al barile, mentre il gas -dopo aver toccato ieri i massimi storici a 200 euro- registra ad Amsterdam un calo del 9,22% a 146 euro Megavattora. Convocate per oggi riunioni d'emergenza dei ministri degli Esteri di Nato, G7 e Ue sull'Ucraina. Alla riunione europea ci sarà anche il segretario di Stato americano Blinken. «Stiamo lavorando per portare Putin al tavolo», afferma il ministro degli Esteri Di Maio. In Italia intanto è triplicato il flusso di profughi in arrivo dall'Ucraina. Una circolare del ministero della Salute allerta le Regioni perché predispongano risorse per garantire tamponi e vaccini anti-Covid ai rifugiati. Per loro non ci sarà obbligo di super Green pass, dice Sileri. La circolare prevede anche l'esecuzione dei test diagnostici nelle 48 ore dall'ingresso in Italia. Oltre alle operazioni militari sul terreno, continua anche la cyber-guerra lanciata dagli hacker contro Mosca. L'agenzia spaziale russa Roscosmos ha denunciato essere stata vittima di un «massiccio attacco» ai suoi server durante la notte scorsa, informando che oggi la funzionalità del sito è stata ripristinata.

Ucraina, russi bombardano la centrale nucleare di Zaporizhzhia: la battaglia nella notte

Manovre a Baikonur

La Roscosmos informa inoltre che nella base spaziale di Baikonur è in corso la rimozione del razzo Soyuz-2.1b, a bordo del quale sono 36 satelliti della costellazione OneWeb per le connessioni internet, il cui lancio era previsto per oggi. Nei giorni scorsi i rapporti fra l'agenzia spaziale russa e la OneWeb, con base nel Regno Unito, sono diventati progressivamente più tesi, fino alla decisione della OneWeb di sospendere i lanci dei suoi satelliti da Baikonur. Intanto a Mosca il Parlamento ha approvato una modifica del Codice penale, per contenere la diffusione di «fake news» sulle operazioni dell'esercito russo. La nuova legge, approvata dalla Duma all'unanimità, introduce la responsabilità criminale per la diffusione di false informazioni sulle forze armate russe e prevede, in base alla gravità del reato, multe e anche pene di prigione (si rischiano fino a 15 anni di carcere). Inoltre, il governo russo ha ristretto l'accesso a numerosi media indipendenti - compresi i siti della Bbc, dell'agenzia indipendente Meduza, della tedesca Deutsche Welle e del sito web in lingua russa fondato dagli Usa Radio Free Europe/Radio Liberty, Svobod - misura che si aggiunge alla chiusura nei giorni scorsi di emittenti e testate che criticano l'invasione dell'Ucraina.

Ucraina, colpita la centrale nucleare di Zaporizhzhia: le immagini dell'attacco

© RIPRODUZIONE RISERVATA