Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Malta, il premier Muscat verso le dimissioni: travolto dal caso Caruana

Malta, il premier Muscat verso le dimissioni: travolto dal caso Caruana
2 Minuti di Lettura
Venerdì 29 Novembre 2019, 15:07 - Ultimo aggiornamento: 17:04

Dopo l'omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia e l'arresto del presunto mandante, l'imprenditore Yorgen Fenech, rilasciato su cauzione dopo l'arresto, il primo ministro maltese Joseph Muscat intende annunciare le sue dimissioni a breve.

Omicidio Caruana, il "re" dei casinò pagò 150mila euro per i tre sicari

Lo riferisce in apertura il Times of Malta, sottolineando che la sua decisione arriva al culmine della crisi politica generata dall'inchiesta sull'omicidio di Daphne Caruana Galizia. Muscat stamane ha incontrato il presidente della Repubblica George Vella, al quale - spiega il giornale - potrebbe aver anticipato la sua decisione. È atteso un discorso televisivo del premier.

La famiglia Caruana Galizia si è detta «sgomenta» per la notizia della scarcerazione di Keith Schembri, l'ex capo di gabinetto del premier Joseph Muscat accusato dall'imprenditore Yorgen Fenech di essere l'ispiratore dell'omicidio della giornalista Daphne. In una dichiarazione pubblicata su Facebook, la famiglia chiede anche le dimissioni immediate di Muscat. «Siamo sgomenti - hanno scritto i Caruana - di vedere che Schembri è stato rilasciato sotto la supervisione del primo ministro, che continua a svolgere il ruolo di giudice, giuria e carnefice in un'indagine per omicidio che finora coinvolge tre dei suoi più stretti colleghi.

Questa parodia di giustizia sta facendo vergognare il nostro Paese, sta facendo a pezzi la nostra società e ci sta degradando. Non può più continuare così. Esortiamo il primo ministro a farsi da parte e lasciare che un altro senza conflitti di interesse prenda il suo posto. Se il premier ha a cuore gli interessi della giustizia e di Malta, dovrebbe dimettersi immediatamente. Il nostro Paese è più importante della sua carriera».

© RIPRODUZIONE RISERVATA