Detenuto evade dal carcere con la bici rubata nell'officina della prigione, ripreso dopo 70 chilometri di fuga

Fuggito dal carcere di massima sicurezza di Bedford è riuscito ad eludere la cattura per oltre due ore

Detenuto evade dal carcere con la bici rubata nell'officina della prigione, ripreso dopo 70 chilometri di fuga
2 Minuti di Lettura
Sabato 7 Gennaio 2023, 18:48 - Ultimo aggiornamento: 9 Gennaio, 09:39

Evasione da film in Gran Bretagna. Un detenuto è fuggito dal carcere di massima sicurezza in sella a una bicicletta rubata dall'officina del penitenziario. Ma la libertà provvisoria è durata poco. Un paio di ore, qualcosa in più, prima di essere intercettato a una settantina di chilometri dalla prigione.

Papà affida la figlia ad Alexa per uscire con una donna (che poi tenta di strangolare), condannato per abbandono di minore

Evasione dal carcere in bicicletta

L'episodio - raccontato dal Mirror - è accaduto nel carcere di massima sicurezza di Bedford, cittadina nell'Est dell'Inghilterra, capoluogo della contea del Bedfordshire. Appena scoperta la fuga è scattata la caccia all'uomo. Alcuni automobilisti hanno notato l'uomo che pedalava - senza troppa fretta - lungo un'autostrada in direzione Londra e hanno chiamato la polizia. Il detenuto è stato quindi raggiunto vicino a Borehamwood, Herts, e riportato in custodia. Sospiro di sollievo e qualche grattacapo per la sicurezza del penitenziario: «La maggior parte delle persone sarebbe saltata su un treno e sarebbe arrivata dall'altra parte del paese. Non era esattamente Fuga da Alcatraz, mettiamola così», dice al tabloid un insider del carcere.

IL FURTO, LA FUGA E LA CONDANNA INASPRITA
La bici è stata "prelevata" dall'officina di riparazione di biciclette, officina aperta nel carcere l'anno scorso e impiega sette ladri. Il rapporto sulla fuga dice che il detenuto si è allontanato attorno alle 14 ed è stato arrestato due ore dopo, mentre pedalava verso Londra. Il fuggiasco ora deve rispondere di evasione dalla custodia legale e ha avuto due mesi aggiuntivi alla sua condanna. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA