Albania, opposizione pronta ad abbandonare il parlamento: «Eletto da voto criminalità»

Domenica 17 Febbraio 2019
Albania, opposizione pronta ad abbandonare il parlamento: «Eletto da voto criminalità»
Si acuisce la crisi politica in Albania. A 24 ore dalla protesta davanti alla sede della presidenza del Consiglio per chiedere un governo transitorio che prepari le elezioni anticipate, il Partito democratico, principale formazione del centro destra all'opposizione guidata da Lulzim Basha, ha radicalizzato la propria posizione e intende abbandonare definitivamente il parlamento.

LEGGI ANCHE Albania nel caos, Berisha: «Paese in mano ai narco-politici, il premier rischia una brutta fine»

«Ho deciso di proporre al gruppo parlamentare e al direttivo del partito di rinunciare ai mandati parlamentari», ha dichiarato Basha. «Il messaggio ricevuto dalla protesta di ieri è stato chiaro: non si può più andare avanti in questo modo. Il tempo delle parole è scaduto. Noi non possiamo fare da facciata ad un parlamento eletto da un voto dettato dalla criminalità organizzata», ha sostenuto Basha.

Il Pd conta 43 seggi su 140 di cui è composto il parlamento albanese. Il suo alleato, il Movimento socialista per l'Integrazione, Lsi, ha 18 deputati, ma non si è ancora pronunciato se intende fare la stessa mossa. Il prossimo giovedì, l'opposizione ha convocato una nuova manifestazione a Tirana, dopo la violenta protesta di ieri, che ha visto ripetuti scontri fra gruppi di manifestanti che hanno assaltato a più riprese il palazzo di governo e le forze dell'ordine che hanno risposto con gli idranti e i lacrimogeni. La polizia ha fatto sapere oggi di aver arrestato 15 persone. Altri 5 saranno indagati a piede libero mentre 7 manifestanti sono ricercati.
Ultimo aggiornamento: 18:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma