Cacciatori li scambiano per cervi, trentenne e la figlia di 9 anni uccisi durante la battuta di caccia

Venerdì 3 Gennaio 2020 di Federica Macagnone

Aveva trasmesso a sua figlia l’amore per la caccia. E Lauren, a 9 anni, imbracciava il fucile meglio di qualunque altro coetaneo. Il 1° gennaio padre e figlia avevano deciso di cominciare l’anno con quello che amavano di più al mondo: una battuta di caccia nei boschi della Carolina del Sud. Ma, proprio mentre si muovevano tra le sterpaglie imbracciando i loro fucili, Kim Drawdy, 30 anni, e Lauren  sono morti, colpiti da alcuni colpi esplosi da altri cacciatori che li avevano scambiato per cervi. L’incidente è avvenuto intorno alle 14.30, nell'ultimo giorno della stagione di caccia in tutto lo Stato: i soccorsi sono stati immediatamente allertati, ma quando i medici sono arrivati sul posto per Kim e Lauren non c’era più nulla da fare.

Rieti, è morto il cacciatore ferito all'addome domenica scorsa
Cacciatore ferito, indagato l'amico che ha sparato accertate numerose violazioni
 
Gli investigatori hanno detto che non renderanno noto se i due indossassero dei giubbotti arancioni che segnalassero la loro presenza fino alla chiusura delle indagini. Il Dipartimento delle risorse naturali della Carolina del Sud (SCDNR) continuerà a indagare sull'incidente. Le autorità non hanno ancora confermato se sono stati effettuati arresti o se sono state mosse accuse contro chi ha sparato.
 
La bambina e suo padre erano avidi cacciatori di cervi. «La caccia non è solo quello che faccio, fa parte di quello che sono» scriveva Kim pubblicando le sue foto con la figlia a caccia.
I parenti hanno creato una pagina di raccolta fondi per il funerale: «Kim Drawdy e sua figlia Lauren sono stati entrambi tragicamente uccisi in un incidente di caccia nel giorno di Capodanno. Stiamo cercando di raccogliere fondi per sostenere i costi del funerale per entrambe queste anime preziose. Anche un piccolo gesto aiuta, tutte le preghiere sono apprezzate».
 
La Carolina del Sud non è nuova a incidenti di questo genere. Nel 2019 ce ne sono stati 16, due sono stati mortali.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA