Burkina Faso, due giornalisti spagnoli e uno irlandese uccisi dai terroristi. Beriain è l'autore di "Il mondo dei narcos"

Burkina Faso, morti tre giornalisti rapiti dopo l'attacco di ieri
4 Minuti di Lettura

Tre giornalisti europei, due spagnoli e uno irlandese sono stati uccisi in un'imboscata in Burkina Faso da un gruppo di terroristi vicini all'ambiente del bracconaggio. L'attacco è avvenuto nei pressi di Pama, dove un gruppo di uomini armati ha attaccato una pattuglia dell'unità anti-bracconaggio. Morto anche un abitante del Burkina Faso.

Il cardinale africano guida la protesta: cattolici, opponetevi alle benedizioni delle coppie gay

La notizia della morte dei tre giornalisti è arrivata dall'account Twitter di «Sahel Security Alerts», che monitora la sicurezza nell'area del Liptako-Gourma: «I corpi dei tre espatriati sono stati trovati senza vita. In un audio, i presunti autori rivendicano di essere del 'Jnim' e affermano di aver ucciso tre persone, sequestrato due veicoli, diverse motociclette e armi». Nel tweet vengono fatti anche i nomi dei due reporter spagnoli uccisi: David Beriáin e Roberto Fraile, in particolare il primo era conosciuto per il programma televisivo “Clandestino”, che affrontava il tema della criminalità organizzata in diverse parti del mondo. Stando a quanto detto dall'account di Sahel Security Alerts i due reporter sarebbero stati uccisi mentre preparavano un reportage sulla preservazione della natura. 

Il premier spagnolo Sanchez si è espresso sui social pubblicando un messaggio di cordoglio per la morte dei due reporter suoi concittadini: «Si conferma la peggiore delle notizie. Tutto il mio affetto ai famigliari e amici di David Beriain e Roberto Fraile, assassinati in Burkina Faso. Riconoscimento a chi, come loro, svolge quotidianamente un giornalismo coraggioso ed essenziale dalle zone di conflitto». Solidarietà alla Spagna dal segretario del Partito democratico Enrico Letta, che scrive sul suo profilo Twitter: «Solidarietà alla Spagna per l'efferato assassinio di David Beriain e Roberto Fraile nel Sahel»

Napoli, prosegue raccolta fondi del burattinaio Adriano Ferraiolo per il Burkina Faso

Stando alla ricostruzione del ministero della Comunicazione dello stato africano ci sono stati anche tre feriti nell'attacco dei terroristi: «Verso le 9 un attacco condotto da individui armati ha preso di mira un convoglio misto costituito da elementi locali delle Forze di difesa e sicurezza ed espatriati sull'asse Fada N'Gourma-Pama nella regione dell'est» spiega nella nota. Il ministero esclude possa trattarsi di bracconieri poichè difficilmente avrebbero attaccato una scorta armata, in ambienti qualificati del Burkina circolano informazioni
sul coinvolgimento nell'attacco anche di uno svizzero sopravvissuto anche se non evocato nel comunicato del ministero.

Espulso operaio che inneggia alla jihad

L'est e il nord del Burkina Faso sono teatro di scontri fra gruppi jihadisti tra cui: Al Qaeda nel Sahel, il gruppo per il sostegno dell'Islam e dei musulmani e lo Stato islamico nel grande Sahara.

Siria, i 20.000 i bambini fantasma senza sorriso: orfani e mai riconosciuti da nessuna anagrafe

Martedì 27 Aprile 2021, 17:55 - Ultimo aggiornamento: 18:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA