Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Abusa in sala parto di una donna incinta in attesa di cesareo: arrestato medico anestesista, filmato dai colleghi

L'uomo è stato incastrato da un video, si chiama Giovanni Quintella Bezerra

Brasile, abusa in sala parto di una donna incinta in attesa di cesareo: arrestato anestesista di 32 anni
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 13 Luglio 2022, 16:09 - Ultimo aggiornamento: 14 Luglio, 18:31

Si chiama Giovanni Quintella Bezerra, 32 anni, il medico arrestato questo lunedì in Brasile per aver abusato in sala parto di una donna incinta. La vittima, in attesa di taglio cesareo, era in quel momento anestetizzata. L'uomo è stato inchiodato da due membri dello staff sanitario che lo hanno filmato con un cellulare mentre commetteva l'atroce gesto. Il medico, un anestesista, si era laureato in medicina presso l'università di Volta Redonda (Unifoa), regione meridionale dello Stato di Rio de Janeiro, nel 2017. Ad aprile di quest'anno aveva invece concluso la scuola di specializzazione in anestesia. 

Abusi su una disabile Ciociara durante la crociera, 42enne a giudizio

Stresa, ragazza denuncia strupro di gruppo sul lago Maggiore: «Violentata in spiaggia da quattro amici»

L' arresto

Sono scattate immediatamente le manette per il trentenne. Grazie alla prontezza di due infermiere che sono riuscite a immortalarlo durante l'abuso. Condotto davanti agli inquirenti, Bezerra ha dichiarato di non sapere per quale motivo si trovasse li. Salvo poi cadere in un silenzio tombale quando, l'agente Bárbara Lomba, della stazione di polizia São João de Meriti, gli ha comunicato che qualcuno lo aveva filmato mentre abusava della paziente. La difesa di Bezerra ha fatto sapere in una nota di non aver ancora ottenuto pieno accesso agli elementi di prova che sono stati prodotti contro il proprio assistito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA