Brasile, nuova condanna per Lula: corte d'appello inasprisce la pena a 17 anni

Mercoledì 27 Novembre 2019

Il Tribunale Federale Regionale  di Porto Alegre ha confermato la seconda condanna di Luiz Inacio Lula da Silva per i reati di corruzione e riciclaggio, giacché due dei tre magistrati che lo compongono hanno giù respinto i ricorsi della difesa dell'ex presidente brasiliano e confermato la sentenza emessa in primo grado da una giudice monocratica di Curitiba. Gebran Neto, magistrato relatore del processo, noto come il «caso Atibaia», non solo ha confermato la condanna a 12 anni e 11 mesi imposta a Lula in primo grado ma, accogliendo la richiesta della Procura, ha chiesto che sia aumentata a 17 anni e un mese. Il suo collega Leandro Paulsen ha accompagnato questa decisione nel merito del caso, ma non si è espresso sulla possibilità di prolungare la pena imposta.

Si attende ora la dichiarazione di voto del terzo magistrato del Tfr4, Carlos Eduardo Thompson Flores Lenz. Lula è accusato di aver ricevuto in dono, da parte di varie aziende edilizie, l'uso di una residenza nella località di Atibaia, nell'entroterra dello Stato di San Paolo, come compenso per il trattamento preferenziale dato alle società da parte del suo governo. Si tratta del secondo processo in cui è imputato l'ex presidente, dopo quello detto del «triplex di Guarujà», per cui Lula ha passato 580 giorni in carcere per una condanna confermata in appello, prima di essere scarcerato lo scorso 8 novembre in attesa di esaurire tutti i possibili ricorsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma