COVID

Boris Johnson, stipendio dimezzato a “sole” 150mila sterline l'anno: «Non riesce più a pagare la tata»

Sabato 19 Settembre 2020
2
Boris Johnson, stipendio dimezzato a “sole” 150mila sterline l'anno: «Non riesce più a pagare la tata»

Non bastavano i guai con la Brexit e le conseguenze del Coronavirus: il primo ministro inglese Boris Johnson sarebbe in difficoltà anche dal punto di vista finanziario. Fonti vicine al premier britannico, riportate dal Daily Mail, sostengono che BoJo sarebbe molto preoccupato per i suoi guadagni al punto da «non riuscire più a pagare le spese per la tata del piccolo Wilfred», l'ultimo dei sette figli del premier, concepito con l'attuale fidanzata Carrie Symonds. 

Covid Gran Bretagna, 15 milioni in lockdown "locali": oggi 4.322 contagi. Rafforzamento delle restrizioni

A quanto ammonta il taglio del salario? Secondo il Mail, Johnson sarebbe passato dal guadagnare 350mila sterline l'anno a "sole" 150mila. Un taglio netto, causato dall'addio alla sua rubrica fissa sul Daily Telegraph, che da sola gli fruttava circa 275mila sterline, e al taglio di tutte le conferenze a cui veniva invitato che gli garantivano circa altre 150mila sterline. 

Secondo i suoi amici e colleghi, Johnson si sarebbe concentrato totalmente sulle sue difficoltà monetarie, perdendola sua proverbiale esuberanza. Una situazione resa ancora più aspra dal "muro contro muro" con l'Europa per le trattative della Brexit e dall aumento dei casi di coronavirus, che potrebbero mettere a rischio la sua futura rielezione alla prossima tornata elettorale. 

Brexit, Johnson placa la rivolta Tory sull'Internal Market Bill: ultima parola al Parlamento

Ma intanto ci sono altri sei figli da mantenere e da mandare all'università. In più Boris sta pagando ancora lo scotto del costoso divorzio con la sua ex moglie Marina Wheeles. Per non parlare dell'appartamento sopra al numero 11 di Downing Street, decisamente troppo stretto per uno come Boris, abituato alla sua residenza di campagna, il Chequers Retreat, una villa che di certo ha dei costi di gestione non indifferenti. 

Un suo amico ha detto al Times che «Boris è bloccato nell'appartamento e Downing Street non è un bel posto in cui vivere. Non è come l'Eliseo o la Casa Bianca dove puoi viverci tranquillamente perché sono molto grandi». In un periodo storico in cui a tutti sono richiesti sacrifici, sembra che anche BoJo dovrà accontentarsi. 
 

 

Ultimo aggiornamento: 20 Settembre, 08:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA