Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La guerra nucleare è possibile? Dalle minacce di Putin all'arsenale cinese, cosa sappiamo sulla minaccia atomica

La corsa agli armamenti nucleari si amplia e coinvolge nuovi attori, riscrivendo gli equilibri dello scacchiere internazionale

La guerra nucleare è possibile? Dalle minacce di Putin all'arsenale cinese, cosa sappiamo sulla minaccia atomica
3 Minuti di Lettura
Domenica 10 Aprile 2022, 16:17 - Ultimo aggiornamento: 21:31

Dal 24 febbraio, primo giorno dell'offensiva russa in Ucraina, uno spettro aleggia sull'Europa (e non solo): quello della guerra nucleare. Premesso che un'escalation atomica agli occhi di tutti appare piuttosto improbabile, non va sottovalutato come la semplice "minaccia" stia creando un clima di tensione che non si respirava a livello internazionale dai tempi della Guerra Fredda.

Putin, la guerra cambia: obiettivo Donbass, avanzata su 9 assi (Slovyansk è la città chiave). Convoglio di 12 km verso sud

 

Ucraina, lo spettro della guerra nucleare

Ed è stato proprio Vladimir Putin a mettere subito le cose in chiaro, fin dai primissimi giorni del conflitto: «Chiunque tenti di interferire sappia che la reazione della Russia sarà immediata e porterà a conseguenze mai sperimentate prima nella storia». Pur non avendo mai parlato esplicitamente di armi nucleari, lo "Zar" ha sempre lasciato intendere di essere pronto a reagire «con forza» a qualsiasi intervento esterno in Ucraina. Una minaccia che, da sola, sembra aver già funzionato da deterrente.

 

La minaccia nucleare di Putin è reale?

Ma quanto è reale la minaccia nucleare di Putin? Innanzitutto, bisogna ricordare che la bomba atomica non viene utilizzata dal 1945, quando gli Stati Uniti sganciarono due ordigni su Hiroshima e Nagasaki. Da allora il principio di «distruzione mutua assicurata», ovvero l'idea che chiunque usasse armi nucleari verrebbe a sua volta colpito dalla conseguente reazione nemica, ha sempre tenuto a bada i timori di una guerra atomica. 

La mossa della Cina

Il criterio è valido ancora oggi, ma la corsa agli armamenti non si è certo arrestata. Il Wall Street Journal ha rivelato che la Cina sta accelerando l'espansione del suo arsenale nucleare, ritenuto un ottimo deterrente per gli Stati Uniti da un coinvolgimento diretto in un potenziale conflitto su Taiwan. In altre parole, lo spettro della guerra atomica - sebbene come semplice deterrente - non accenna a placarsi. Anzi, si amplia e coinvolge nuovi attori (come la Cina) riscrivendo gli equilibri dello scacchiere internazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA