Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bimba muore a 5 anni per una «infezione virale contagiosa», la famiglia: «Sembrava influenza, vogliamo risposte»

Il decesso della piccola Rozalia il giorno dopo il suo compleanno. La famiglia denuncia: "Ritardi nei soccorsi in ospedale"

Bimba muore a 5 anni per una «infezione virale contagiosa», la famiglia: «Sembrava influenza, vogliamo risposte»
3 Minuti di Lettura
Venerdì 29 Luglio 2022, 07:33 - Ultimo aggiornamento: 30 Luglio, 15:00

Risentiva di lievi sintomi sintomi a quelli dell'influenza, ma era risultata negativa al Covid. Poi le si è gonfiato il viso ed è stata portata d'urgenza in ospedale visto che, pallida in volto, assonnata, era troppo stanca anche per i aprire i regali che le avevano appena fatto. Era il 4 luglio. E il giorno dopo il suo compleanno, Rozalia Spadafora è morta. A cinque anni. Per un male improvviso e su cui non è stata fatta chiarezza. Un male su cui adesso la famiglia vuole risposte.

Diana morta 24 ore prima del ritrovamento, un giorno prima poteva essere salvata

La morte di Rozalia

La madre di Rozalia, Katrina, ha portato sua figlia al pronto soccorso del Canberra Hospital, a Canberra, in Australia, in modo che potesse sottoporsi ad alcuni esami, a partire da quelli del sangue. Ma hanno dovuto attende ore prima che la bimba fosse sottoposta alle analisi. Rozalia è stata quindi portata in terapia intensiva, dove è stata sottoposta a una fleboclisi. Alle 8 del mattino del 5 luglio alla famiglia è stato detto che Rozalia aveva l'influenza A, un'infezione virale contagiosa che può avere complicazioni pericolose per la vita se non trattata. È stata trasferita nell'area pediatrica del pronto soccorso. I medici hanno detto ai familiari che la piccola aveva i muscoli infiammati intorno al cuore e avrebbe dovuto essere portata in aereo a Sydney per il trattamento.

La corsa in ospedale

Il personale dell'ospedale ha detto alla famiglia che un elicottero stava arrivando da Sydney, ma poco più tardi è stato riferito che l'elicottero era stato dirottato all'aeroporto di Canberra a causa di un problema tecnico. «Ho iniziato a piangere - ha raccontato la madre - Non sapevamo cosa fare». Rozalia ha iniziato ad avere uno spasmo ed è stata sottoposta a rianimazione cardiopolmonare. Ma non c'è stato niente da fare. E' morta. La piccola è morta per un arresto cardiaco causato da miocardite, recita il referto. Un morte evitabile, per la famiglia. «Abbiamo perso nostra figlia al Canberra Hospital - si legge in una nota diffusa dalla famiglia riportata dal Mirro - Nessuno l'ha aiutata finché non è stato troppo tardi. Nessuno ci ha detto cosa stava succedendo prima che fosse troppo tardi. Nessuno ci ha spiegato come è morta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA