Annega a 17 mesi nella piscina gonfiabile mentre la madre è al lavoro, il corpo trovato dal fratellino

La donna si incolpa per la tragedia: «La morte di Torru è tutta colpa mia perché non ero a casa». Raccolta fondi per i funerali della piccola

Annega a 17 mesi nella piscina gonfiabile mentre la madre è al lavoro, il corpo scoperto dal fratellino
2 Minuti di Lettura
Martedì 4 Ottobre 2022, 19:55

Morire a poco più di un anno annegando in una piscina gonfiabile. È il tragico destino di Taidyn Murphy, Totty per tutti, piccola di 17 mesi. Un drammatico incidente avvenuto mentre la piccola era in casa con il padre e altri due fratellini a Gracemere, nel nord-est dell'Australia. La madre era fuori casa. A lavoro.

Bimba uccisa dall'altalena, la Procura ricostruisce l'incidente: nominati i periti

Come raccontato dalla madre, Tahlia Brown, la bimba è caduta nella piscinetta e non è riuscita a rialzarsi. È stato il fratello a scoprirne il corpo senza vita. Inutile il trasporto d'urgenza al Brisbane Children's Hospital. E' stata messa in coma farmacologico, ma è morta pochi giorni dopo tra le braccia della mamma.

IL DOLORE

Come raccontato da un'amica di famiglia, Alyce Pocock, la signora Brown era distrutta dal senso di colpa. «E' tutta colpa mia perché non ero a casa», il struggente sfogo. Ed è stata proprio l'amica ad avviare una raccolta fondi per organizzare il funerale della piccola: «La perdita più impensabile, inimmaginabile, innaturale, ingiusta e tragica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA