Biden-Xi Jinping, lunedì prossimo il vertice: tra i temi sul tavolo anche economia e clima

I due leader sono intervenuti oggi con due videomessaggi al vertice dell'Asia-Pacific Economic Cooperation

Biden-Xi Jinping, confermato l'incontro per lunedì prossimo: tra i temi sul tavolo anche economia e clima
3 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Novembre 2021, 20:03

Un comunicato stampa scarno ma significativo della Casa Bianca ha confermato l'incontro tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e della Cina Xi Jinping lunedì prossimo 15 novembre. «Una gestione responsabile della competizione e degli interessi comuni e non», questo l'obbiettivo dichiarato del summit virtuale spiega la nota. Ma i due leader quasi sicuramente tratteranno anche delle conclusioni della CoP26 di Glasgow. Tra i temi sul tavolo anche la questione dazi e l'andamento dell'economia mondiale.

A puntellare, inoltre, il comunicato dell'inquilino della Casa Bianca la promessa di franchezza di Joe Biden: «il presidente renderà chiare le intenzioni e le priorità degli Stati Uniti e sarà chiaro sulle nostre preoccupazioni nei confronti della Cina», così la conclusione della nota.

Nessun incontro in presenza tra i presidenti

Complice il prolungamento dell'emergenza pandemica e le rigidissime regole cinesi che non permettono di fatto ai cittadini di uscire dal Paese, non c'è ancora mai stato un incontro in presenza tra i due leader mondiali. I due presidenti avevano avuto un colloquio telefonico lo scorso 9 settembre, ma c'è attesa per il faccia a faccia virtuale.

Oggi c'è stata una sorta di prova generale dell'incontro di lunedì prossimo. I due leader sono infatti intevenuti con due videomessaggi organizzato dell’Apec, l’Asia-Pacific Economic Cooperation.

Usa, Kamala Harris precipita nei consensi: mai nessun vicepresidente così in basso

I temi

Tra le tematiche più calde che saranno al centro del prossimo colloquio non potranno non esserci le tensioni geopolitiche nell’Indo-Pacifico. I nervosismi tra Washington e Pechino non si sono placati nelle ultime settimane, specialmente per quanto riguarda la questione Taiwan. Con le ultime mosse del Congresso che hanno ulteriormente irritato la leadership comunista sull'isola. Il Dragone, intanto, non ha fermato pattugliamenti e sorvoli delle sue forze militari nello Stretto di Formosa.

Obama sul clima: «Stiamo fallendo, male assenza Cina e Russia». Ma Greta lo snobba e Vanessa lo attacca: «Tradite le promesse»

L'intesa tra Usa e Cina per un accordo sul clima

Nella lotta ai cambiamenti climatici un tiepido primo passo è stato fatto mercoledì quando le delegazioni delle due superpotenze a Glasgow hanno diffuso un comunicato congiunto su nuovi impegni comuni.

Nessuna grande nuova promessa, ma la manifestazione di una volontà dei due Paesi di non mettere da parte la tematica ambientalista. I punti di partenza erano molto lontani considerando che la Cina non era stata tra i Paesi firmatari dell’accordo comune della CoP26 sulla riduzione progressiva dell’uso del carbone, non associandosi alla promessa di ridurre le emissioni del 30 per cento entro il 2030. Joe Biden, inoltre, aveva definito «un grosso errore» l'assenza di Xi al meeting inglese.

La concretizzazione sul possibile accordo per la riduzione delle emissioni potrà verificarsi soltanto nella strada del dialogo e del confronto che i due leader, nelle intenzioni, proveranno ad aprire con il faccia a faccia di lunedì.

Evergrande e crisi del settore immobiliare cinese, eterogeneità mercati e qualità salvano export italiano

© RIPRODUZIONE RISERVATA