ULTIMA ORA

Beirut, nato durante l'esplosione in ospedale senza elettricità: il miracolo del piccolo George

Sabato 8 Agosto 2020
Beirut, il miracolo del piccolo George, nato dopo che l'esplosione ha colpito l'ospedale

Il piccolo George è un bambino fortunato. L'ospedale viene travolto dall'onda d'urto dell'esplosione, ma i medici riescono a farlo nascere lo stesso, anche se nella struttura era andata via l'elettricità. È il piccolo miracolo che è avvenuto martedì, a fine giornata, quando Emmanuelle Khnaître, la futura mamma del bambino, è entrata nella sala parto di un ospedale di Beirut. Pochi secondi dopo, la violenta esplosione che ha causato almeno 149 morti e più di 5.000 feriti . Suo marito, Edmound, era presente al suo fianco e ha voluto immortalare l'evento con il suo smartphone. L'uomo ha iniziato a filmare l'ingresso della moglie in sala parto. Ma immediatamente, la stanza è stata spazzata via e Edmound si è ritrovato a terra. 

LEGGI ANCHE Esplosione Beirut, spunta il video di una bomba. Hezbollah: nessun deposito di armi nel porto

L'interruzione dell'energia elettrica, a acausa della detonazione, non ha però impedito al personale medico di restare calmo. E, senza farsi prendere dal panico, dotato di semplici torce elettriche, lo staff è riuscito a dare alla luce in perfette condizioni di salute il piccolo George. "Mio figlio è nato in circostanze terribili, non pensavo fosse vivo quando è nato", ha detto Edmound a Reuters.

LEGGI ANCHE «Beirut, non escluso il missile». La versione politica libanese

Commosso, il giovane padre ha voluto ringraziare gli assistenti ospedalieri. "Grazie per avermi portato al sicuro", ha scritto a nome di George. "Spero un giorno di poterti ricambiare il favore", ha aggiunto. Un messaggio di speranza e di amore rivolto ai caregiver, che da anni soffrono le condizioni di lavoro negli ospedali del Paese alle prese con la peggiore crisi economica della sua storia. Da martedì anche gli ospedali, già indeboliti dal covid-19, sono stati trovati saturi dall'afflusso di feriti. L'enorme esplosione ha messo in strada più di 300.000 persone e sono ancora molti i dispersi che potrebbero aggiungersi al bilancio delle vittime.


 

 

Ultimo aggiornamento: 12:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA