Bambino di 4 anni sbranato e ucciso dal rottweiler della nonna

Sabato 15 Febbraio 2020 di Alix Amer
1

Un bambino di quattro anni è stato sbranato da un rottweiler che lo ha azzannato alla gola nel cortile della casa di famiglia. Il piccolo Denis, è morto sul posto nel villaggio di Pishchanka, nella regione nord-orientale di Kharkiv, in Ucraina.

Pitbull sbrana e uccide il padrone: «Un cane tranquillo, lo lasciavamo giocare con i bimbi»

Secondo i rapporti della polizia Denis e sua nonna Olga stavano per andare a fare una passeggiata. Il bambino si era vestito ed era uscoto di casa per aspettare la nonna nel cortile. Ma quando il rottweiler lo ha visto è impazzìto e «ha saltato il recito avventandosi contro di lui», ha spiegato la polizia. La vicina di casa Ludmila, ha raccontato: «Il cane ha inseguito il piccolo in tutto il cortile fino a quando non lo ha azzannato. Il cortile è diventato rosso sangue».
 

 

«Denis ha cercato di nascondersi dietro una recinzione ma è rimasto bloccato tra le sbarre - aggiunge - Il cane ha affondato immediatamente i denti nel collo strappandogli la gola». La nonna si è precipitata fuori quando ha sentito le sue urla. Anche lei è stata gravemente morsa mentre cercava di fermare l’attacco al piccolo, ma non c’è stato nulla da fare. Dopo aver ucciso il bambino, il cane si è calmato ed è rientrato nel suo recinto, ha detto il testimone che ha chiamato i servizi di emergenza. I paramedici hanno trovato il bambino senza vita in una pozza di sangue.

L’esperto di medicina legale Igor Bursuk ha dichiarato ai media locali: «La testa, il collo, il torace, lo stomaco e gli arti del ragazzo erano coperti da gravi lacerazioni. È morto per estrema perdita di sangue». La nonna, che ha cercato di combattere il cane, ha ricevuto ferite profonde alle sue braccia. Il rottweiler non era aggressivo quando sono arrivati gli agenti sul posto, dicono i rapporti. Il medico aggiunge: «Gli ufficiali sono entrati nel cortile con le pistole in pugno. Il cane era nel suo recinto, si comportava in modo pacifico. E obbediva ai loro comandi». Il cane di tre anni era arrivato nella loro casa solo tre settimane fa, dopo che Olga e suo marito Mykola avevano perso il loro cane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA