Bambino di 6 anni aiuta la nonna a potare gli alberi: ucciso da centinaia di punture di calabrone

Martedì 4 Agosto 2020 di Federica Macagnone
Bambino di 6 anni aiuta la nonna a potare gli alberi: ucciso da centinaia di punture di calabrone

Le urla, le disperate richieste di aiuto e una nonna che, nonostante si sia lanciata nello sciame di calabroni per salvarlo, ha visto morire il nipotino sotto i suoi occhi. Jen Oeun, 62enne del villaggio di Poun, in Cambogia, non dimenticherà mai quel maledetto pomeriggio del 21 luglio. Era con Mon Kakada, il nipotino di 6 anni, quando ha deciso di dedicarsi alla cura del giardino sul retro della casa.

 Zanzare e ragni, ecco come difendersi dall’invasione durante l'estate

Super caldo, sos zanzare: «Colpiscono pure di giorno». Tutti i consigli per ridurre punture e disagi

Voleva potare qualche ramo insieme a lui e il piccolo, abituato ad aiutarla, si era subito messo a tagliare qualche ramo secco che penzolava da un albero. Un’operazione che probabilmente aveva già fatto in passato, ma questa volta non deve essersi accorto del nido di calabroni. Quando ha tagliato un ramo gli insetti si sono avventati su di lui, iniziando a pungerlo ripetutamente. La nonna si è lanciata tra i calabroni provando a salvarlo e le loro urla hanno attirato l’attenzione dei vicini, accorsi nel tentativo di aiutarli. La nonna ha tentato di portare il nipotino in ospedale, ma il piccolo è morto durante il tragitto per le centinaia di punture sul torso. Una volta arrivati al pronto soccorso, i medici non hanno potuto far altro che constatarne il decesso, mentre la donna è stata ricoverata per le punture ricevute mentre tentava di salvare Mon.
 
«Piango ogni volta che penso a quanto ha sofferto mio figlio - ha detto Ah Len, la madre del piccolo - Non meritava di morire così. Se fossi stata lì a proteggerlo, sarebbe sopravvissuto». Sam Vesna, della stazione di polizia del distretto di Koh Andet, ha dichiarato: «Abbiamo interrogato la nonna del ragazzo e lei ci ha raccontato cosa è successo. Ha detto che ha cercato di combattere contro gli insetti, ma è stata punta anche lei». Si tratta della seconda morte di un bambino provocato da uno sciame di calabroni dall’inizio dell’anno: a gennaio una bimba di sei anni è morta in circostanze simili. Riem Lina stava parcheggiando la bici vicino a un cespuglio quando è stata attaccata dagli insetti. La piccola è stata portata in ospedale a Svay Rieng, ma è morta poco dopo.
 

 

Ultimo aggiornamento: 19:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA