Julen, luci laser contro i giornalisti per non far scattare foto Video

Sabato 26 Gennaio 2019
Un fermo immagine tratto da una telecamera

La polizia, i soccorritori e i volontari hanno dovuto abbandonare ogni speranze nella fredda mattina del 26 gennaio 2019. Julen, il bimbo caduto nel pozzo di Totalan, non ce l'ha fatta. Lo staff ha provato anche a difendere la privacy della famiglia nei momentoi più dolorosi, quelli che si avvicinavano al recupero del corpo del bimbo. E per farlo ha utilizzato una luce laser verde, puntata contro gli obiettivi di fotografi e cameraman.

Intanto, il Comune di Malaga osserverà tre giorni di lutto in onore di Julen, il piccolo di due anni trovato morto nelle ultime ore in un pozzo a Totalán dove era caduto il 13 gennaio scorso: lo ha reso noto in un tweet il sindaco della città, Francisco de la Torre, aggiungendo che alle 11:00 di oggi il Comune osserverà un minuto di silenzio.

Cosa è successo nelle ultime ore

 

Ultimo aggiornamento: 13:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma