Bambino di 10 anni muore mentre gioca a calcio con gli amici: fatale un infarto

Mercoledì 26 Giugno 2019
Bambino di 10 anni muore mentre gioca a calcio nel parco con gli amici

Un bambino di 10 anni, crolla e muore mentre gioca a calcio con gli amici al parco dopo un arresto cardiaco. Il piccolo calciatore è crollato a terra ed è morto mentre giocava a pallone con altri ragazzini della sua età. Si pensa che Petro Dixon sia deceduto per un vaso sanguigno esploso nel suo cervello mentre si trovava in una zona ricreativa di Salford in Inghilterra. I passanti - compresi i giocatori del vicino club di rugby - sono corsi in suo aiuto e hanno eseguito il massaggio cardiaco al bambino fino all'arrivo dei paramedici. Il cuore di Petro si è fermato per 20 minuti prima che gli equipaggi delle ambulanze riuscissero a riavviarlo. 

Arbitro muore mentre dirige una gara del campionato
 


Petro è stato ricoverato in ospedale dove ha subito due operazioni di emergenza per alleviare la pressione sul suo cervello, ma non è stato salvato. Scrivendo su Facebook, il padre di Petro, Pete Dixon, ha detto che le loro vite erano state "capovolte". Ha aggiunto che sono "eternamente grati" a tutti coloro che avevano cercato di salvare la vita di suo figlio, e che sono stati donati gli organi di Petro in modo che potessero salvare la vita di altre persone. "Non amava nient'altro che aiutare gli altri e sappiamo che è quello che avrebbe voluto", ha scritto. La squadra di calcio di Petro, la squadra Under 11 della De La Salle FC, ha pubblicato le notizie tragiche sulla sua pagina Facebook.
 


Il tecnico della sua squadra, Greig Aspinall, ha descritto il piccolo come acceso sostenitore dell'Arsenal e come un baby giocatore dotato che era stato con il club per due anni. Il post ha scritto: "Petro Dixon, 10 anni e membro del nostro team U11s FC qui a De La Salle, è scomparso improvvisamente durante il fine settimana. Tutti qui al club sono veramente devastati nel perdere un giocatore così meraviglioso. Ha fatto parte della mia squadra qui e posso dire che era un giocatore di talento che era amato da tutti i suoi compagni di squadra e allenatori".

Ultimo aggiornamento: 16:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’incubo di vivere per 34 ore sulla barella al pronto soccorso

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma