India, bimbo di 3 anni cade in un pentolone di cibo bollente e muore ustionato

Giovedì 21 Novembre 2019 di Federica Macagnone

Suresh aveva solo tre anni e una scarsa percezione del pericolo. Domenica scorsa stava pericolosamente giocando in una strada con alcuni amichetti vicino a un pentolone pieno di cibo bollente nel distretto di Rangareddy, in India. È bastato un attimo di distrazione, una mossa sbagliata, un piedino in bilico per farlo scivolare dentro un mare di zuppa: è morto ustionato nonostante una corsa forsennata per portarlo all’ospedale più vicino.

Bimba di 10 anni muore a scuola dopo il morso di un serpente: «Per le prof era solo un graffio»
 
La polizia di Cyberabad adesso sta indagando sull’accaduto per stabilire se ci siano delle responsabilità: «Siamo stati allertati da un uomo che ci ha raccontato che il suo bambino è caduto in un pentolone dentro il quale si stava cucinando sambar». Il bambino è stato immediatamente tirato fuori e portato all'ospedale governativo di Shabad per poi essere trasferito all'ospedale generale di Osmania. Ha lottato per due giorni, ma alla fine non ce l’ha fatta.
 
Il sambar è uno stufato di verdure speziato molto  popolare nell'India meridionale. Viene servito bollente e preparato in grandi pentoloni in strada. In assenza di misure di sicurezza o di barriere che delimitino il pericolo è in agguato e non è la prima volta che bimbi muoiono ustionati.
All'inizio di novembre un bambino di sei anni era caduto in un pentolone ed era morto in una scuola di Kurnool. Nell’istituto stavano servendo il pranzo e sembra che il bimbo stesse correndo: non si è accorto del pentolone e ci è caduto dentro. «Non era in fila per il pranzo, ma stava correndo - ha raccontato un’addetta alla mensa - In quell’esatto momento stavano portando in refettorio un pentolone di sambar. Lui non l’ha visto e ci è finito dentro». Adesso sui dirigenti della scuola  pende una denuncia per negligenza.
 
Un caso simile era avvenuto nel 2013: Anusha Ashwathappa, sei anni, si precipitò fuori dalla classe per il pranzo e cadde dentro una pentola dal contenuto bollente. Anusha subì ustioni sul 70% del corpo e venne portato in ospedale dal preside: i medici fecero di tutto per salvarlo, ma il piccolo morì poche ore dopo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma