Mamma partorisce e nasconde la figlia nel bagagliaio per due anni: «Era nata da una relazione clandestina»

Martedì 13 Novembre 2018 di Alessia Strinati
5
Mamma partorisce e nasconde la figlia nel bagagliaio per due anni: «Era nata da una relazione clandestina»

Ha nascosto la figlia per anni nel bagagliaio della macchina dopo aver nascosto a tutti la sua gravidanza. Una donna francese 50enne ha nascosto per 2 anni la figlia nel retro della sua auto perché non voleva che nessuno sapesse che aveva una bambina. È successo a Tulle - dipartimento della Corrèze - nel 2013, ma proprio in questi giorni la giustizia emetterà la sua sentenza. La piccola è stata trovata per caso da un meccanico che stava sistemando la macchina della donna. L'uomo si è trovato davanti una bimba malnutrita e sporca, affetta da gravi disturbi dello sviluppo.

La madre, Rosa Maria Da Cruz, avrebbe nascosto la piccola perché nata da una relazione clandestina. Per mesi la donna è riuscita a tenere nascosta la gravidanza, senza dare alcun sospetto in famiglia e ai suoi 3 figli, poi avrebbe partorito e non potendo prendersi cura della bambina alla luce del giorno ha scelto di nasconderla nel bagagliaio dell'auto dove è restata per anni. Quando l'auto si è rotta la donna l'ha portata dal meccanico, ma si è raccomandata di non aprire il portabagagli perché pieno di cianfrusaglie che non aveva voglia di togliere.

Durante la manutenzione però i meccanici hanno sentito dei rumori e pensando fosse un animale lo hanno aperto trovando la piccola Serena. «Sono saltato indietro tanto era forte l'odore», ha raccontato l'uomo come riporta anche la BBC. La bambina era in fin di vita e secondo i soccorsi se non fosse stata portata in ospedale subito sarebbe morta entro mezz'ora. La piccola è stata affidata ai servizi sociali e sottoposta a cure, ma purtroppo resterà invalida a vita, la madre invece sarà sottoposta a processo con l'accusa di maltrattamenti su minore. 

Ultimo aggiornamento: 15 Novembre, 10:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Chi era Trilussa?”: cosa rispondono i ragazzi di Trastevere

di Veronica Cursi