Babysitter picchia selvaggiamente bimba che resta cieca, il giudice non la manda in carcere: «È depressa»

Venerdì 27 Settembre 2019
Babysitter picchia selvaggiamente bimba che resta cieca, il giudice non la manda in carcere: «È depressa»

Ha ammesso di aver picchiato per mesi la bambina a cui faceva da babysitter, provocandole gravi danni cerebrali e fratture in tutto il corpo. Il giudice della High Court di Glasgow ha però deciso di non punirla con il carcere, ma "solo" con 300 ore di lavoro non retribuito. Succede ad Arbroath, in Scozia, dove la 23enne Shannon Soutter si è resa protagonista di assurde violenze ai danni della bambina a cui badava per lavoro. Dopo averla picchiata da febbario ad aprile 2018, la piccola è finita in ospedale con gravi lesioni cerebrali e fratture a cranio, costole e caviglia. Secondo i medici la bimba rischia anche di restare cieca

LEGGI ANCHE: Babysitter stupra tre sorelline per due anni: condanna a 270 anni di carcere

Tuttavia, considerando i problemi di salute mentale della 23enne, la sua «storia di depressione», il giudice ha deciso di non punirla con il carcere perché non sarebbe stato «né appropriato, né necessario». Shannon Soutter se l'è cavata con 300 ore di lavoro non retribuito. Il giudice Turnbull ha così motivato la sentenza: «Penso che ci sia poco che la corte possa fare, a titolo di punizione, che sia maggiore di ciò che lei stessa si è imposta. Le circostanze sono così insolite che un certo grado di comprensione, e un po’ di misericordia, portano alla conclusione che non è né appropriato né necessario imporre una pena detentiva».
 

 

Ultimo aggiornamento: 18:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma