Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Azovstal luogo della mia vita e morte», l'addio del fotografo prima della resa. I suoi scatti sui social

Dmytro Kozatsky ha postato su Twitter le sue ultime foto dall'acciaieria

«Azovstal luogo della mia vita e morte», l'addio del fotografo-combattente prima della resa
3 Minuti di Lettura
Venerdì 20 Maggio 2022, 15:28 - Ultimo aggiornamento: 21 Maggio, 01:10

Lo hanno soprannominato "gli occhi di Azovstal" perchè con la sua macchina fotografica ha documentato gli 86 giorni di resistenza all'interno dei sotterranei dell'acciaieria. Le sue foto hanno mostrato al mondo l'inferno dei sotterranei dell'acciaieria: i volti stremati, i feriti, la vita sotto assedio. Ora il fotografo combattente Dmytro Kozatsky, soprannominato 'Orest', si prepara a lasciare Azovstal dove ha combattuto come membro del battaglione Azov. 

«Azovstal luogo della mia vita e morte», l'addio del fotografo-combattente prima della resa

 

L'addio su Twitter 

«Beh, questo è tutto. Grazie per il rifugio, Azovstal è il luogo della mia morte e della mia vita». Con queste parole pubblicate su Twitter Orest  ha dato l'ultimo saluto all'acciaieria che lo ha accolto in questi mesi di resistenza prima di diventare un prigioniero nelle mani dei russi. Non sappiamo ancora quale sarà il destino degli ucraini del battaglione Azov consegnati ai russi: Zelensky ha detto che insisterà sulla via dello scambio di prigionieri per salvar loro la vita, ma quest'opzione sembra tutt'altro che scontata. Di fatto per il Cremlino il Battagione Azov e i suoi membri sono accusati di essere neo-nazisti. 

Le foto su Google Drive 

Come ultimo gesto prima di essere fatto prigioniero, il fotografo ha donato il suo bene più prezioso, le foto scattate all'interno dei sotterranei dell'impianto industriale. Le ha caricate tutte in una cartella di Google Drive e nei commenti ha chiesto di inviarle a concorsi fotografici: «A proposito, mentre sono prigioniero, vi lascio le mie foto in alta qualità. Inviatele a tutti i premi giornalistici e concorsi fotografici. Sarà molto bello se vinco qualcosa, dopo l’uscita . Grazie a tutti per il vostro sostegno. Ci vediamo». A stupire molti utenti è stato il fatto che ci fosse una così buona connessione internet all'interno dell'acciaieria. Secondo alcuni il battaglione si è appoggiato al sistema Starlink, l'internet satellitare fornito da Elon Musk appositamente per sostenere la resistenza ucraina. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA