Artico è in fiamme, oltre 100 incendi: «Evento senza precedenti»

Lunedì 15 Luglio 2019 di Remo Sabatini
L'Artico in fiamme. Immagine di repertorio pubblicata da NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration)

L'Artico sta bruciando. La notizia, già di per sè drammaticamente eccezionale, è stata diffusa dalle maggiori organizzazioni internazionali che si occupano di Ambiente e dello studio del clima. Tra queste, la NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration) e la WMO, l'Organizzazione Meteorologica Mondiale che, senza mezzi termini, ha commentato la questione come "un evento senza precedenti".

Incendi in spiaggia in Sardegna, case e camping evacuati. Corpo carbonizzato a Gallipoli

Incendio sulla spiaggia in Sardegna minaccia case e campeggi: allarme tra i bagnanti
 

Nelle ultime sei settimane infatti, Copernicus EU (The European Union Earth Observation Programme) il Programma di Osservazione della Terra dell'Unione Europea, insieme alla già citata NOAA, attraverso il servizio di monitoraggio denominato CAMS, sono state in grado di tracciare la presenza di oltre 100 intensi incendi al Circolo Polare Artico. WMO ha dichiarato che, soltanto nel mese di giugno appena trascorso, quegli incendi hanno emesso nell'atmosfera 50 megatoni di CO2 che significano le emissioni di un anno della Svezia.

Tra le aree interessate dagli incendi, l'Alaska e la Siberia dove, complice lo scioglimento dei ghiacci, il fuoco si propaga pressochè indisturbato. Così, anche se non è possibile affermare che, quegli incendi, possano essere direttamente correlati al riscaldamento globale, l'assenza di neve e ghiaccio, così come le temperature in salita registrate, anche a quelle latitudini, da diversi anni a questa parte, non fanno presagire nulla di buono sul proseguio di una stagione che potrebbe rivelarsi ancora più calda, con quegli effetti devastanti che abbiamo imparato a conoscere.

Ultimo aggiornamento: 18:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA