La guerra nello Yemen dell'Arabia Saudita finora è costata la vita a 85 mila bambini

La guerra nello Yemen dell'Arabia Saudita finora è costata la vita a 85 mila bambini
2 Minuti di Lettura
Giovedì 22 Novembre 2018, 16:52

Sanaa -  Si stima che siano più di 85.000 i bambini sotto i cinque anni morti per fame o malattie gravi dall’inizio del conflitto nello Yemen, iniziato tre anni fa. A denunciare questi dati drammatici è un rapporto stilato da diverse organizzazioni umanitarie sulla base di dati aggiornati al mese scorso. «Per ogni bambino ucciso da bombe e proiettili, dozzine stanno morendo di fame. I bambini che muoiono di fame soffrono immensamente: le loro funzioni vitali rallentano e alla fine si fermano, i loro sistemi immunitari sono così deboli che sono più inclini alle infezioni e talmente fragili che non riescono nemmeno a piangere. I genitori possono solo rimanere a guardare i loro bambini che stanno morendo senza poter fare nulla» denunciano le ong.

«Nonostante le difficoltà, salviamo vite ogni giorno: abbiamo fornito cibo a 140.000 bambini e curato più di 78.000 bambini per malnutrizione dall’inizio della crisi».
Il dato fornito dal rapporto s’inquadra in una situazione sempre più drammatica: da mesi il conflitto yemenita ha conosciuto una nuova fiammata di violenza con l’assedio a Hodeidah, città portuale di fondamentale importanza nella distribuzione di aiuti e merci in tutto il paese. Inoltre, lo Yemen è uno dei paesi più poveri del mondo ed è stato dilaniato da una terribile carestia negli ultimi anni. Il conflitto ha causato oltre centomila morti e migliaia di sfollati.


La guerra è iniziata con i bombardamenti dell’Arabia Saudita, sostenuti da una coalizione di altri otto Paesi arabi, contro le postazioni dei ribelli sciiti houthi, arroccati nel sud del Paese e sostenuti dall'Iran. Per comprendere le cause del conflitto bisogna però risalire al 2011 quando il presidente Ali Abdullah Saleh (alla guida del Paese da oltre trent’anni) ha lasciato il potere. La sua caduta, avvenuta su pressione dell’Arabia Saudita, ha ridato vita alle forze sciite, autonomiste, nel sud del Paese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA