Russia, l'amico gli mostra le foto mentre violenta la figlia di 9 anni: lui lo uccide a coltellate

Russia, l'amico gli mostra le foto mentre violenta la figlia di 9 anni: lui lo uccide a coltellate
3 Minuti di Lettura
Lunedì 6 Settembre 2021, 18:40

Gli ha mostrato le foto mentre violentava la figlia di 9 anni e lui lo ha ucciso a coltellate. Una storia che arriva dalla Russia e vede protagonisti due amici, entrambi poco più che trentenni. Al bancone del bar la confessione del pedofilo che tra una birra e un'altra ha tirato fuori il cellulare con le immagini degli abusi sulla figlia dell'amico di cui si era preso cura in alcuni momenti di difficoltà. 

Il papà della piccola vittima degli orrori ha subito denunciato tutto alla polizia, ma poi ha deciso di farsi giustizia da solo e, proprio mentre si trovava davanti al commissariato, lo ha ucciso a coltellate.

Abusi sessuali su due ragazzini, arrestato a Brindisi un 16enne: coperto da un anno dall'omertà del gruppo

Il corpo del pedofilo

Il corpo dell'aguzzino è stato ritrovato lo scorso giovedì vicino al villaggio, più di una settimana dopo la confessione degli abusi. Il signor Vyacheslav è stato arrestato dalla polizia per l'omicidio del molestatore, ma la polizia sta ancora svolgendo alcune indagini.

Abusi in Vaticano, racconto choc della presunta vittima: «Molestie dentro San Pietro»

Le altre vittime

Sono stati aperti anche procedimenti penali per abusi su tre bambini. I filmati sono stati recuperati dal cellulare di Sviridov. Fonti della polizia hanno affermato che il telefono del morto conteneva altri video che mostravano stupri di bambine della città, tutte tra i 6 e gli 11 anni. Gli abusi sulla figlia dell'omicida sarebbero durti cinque anni. «Non è un assassino. Ha protetto sua figlia e anche i nostri figli», così i concittadini del piccolo Paese russo hanno difeso il signor Vyacheslav.

Roma, Picchiata dal compagno, il figlio di 10 anni la convince a denunciarlo: scatta l'arresto

© RIPRODUZIONE RISERVATA