L'uomo più ricco d'Ucraina fa causa alla Russia per le bombe su Azovstal: Akhmetov chiede 20 miliardi di risarcimento

Civili e militari si sono rifugiati sotto l'impianto per mesi, prima di arrendersi la scorsa settimana

Akhmetov fa causa alla Russia per le bombe su Azovstal: l'uomo più ricco d'Ucraina chiede 20 miliardi di risarcimento
2 Minuti di Lettura
Giovedì 26 Maggio 2022, 21:01 - Ultimo aggiornamento: 27 Maggio, 12:11

Le bombe russe avrebbero causato alle sue imprese danni per oltre 20 miliardi di dollari. Per questo motivo Rinat Akhmetov, l'uomo più ricco d'Ucraina, ha citato in giudizio la Russia. La richiesta di risarcimento si riferisce, in particolare, ai gravi danni subiti dall'acciaieria Azovstal di Mariupol, presa di mira da Mosca dopo essere diventata l'ultimo bastione di difesa della città portuale ucraina. Lo scrive Sky News. Civili e militari si sono rifugiati sotto l'impianto per mesi, prima di arrendersi la scorsa settimana. Anche la Illich Steel and Iron Works, la seconda più grande impresa metallurgica in Ucraina, è stata gravemente danneggiata durante i bombardamenti russi di Mariupol.

Donbass, gli obici italiani FH70 da 155 mm in azione: colpiscono ad oltre 25 km di distanza

Akhmetov chiede 20 miliardi di risarcimento per le bombe su Mariupol

«Faremo sicuramente causa alla Russia e chiederemo un adeguato risarcimento per tutte le perdite e gli affari persi», ha precisato al portale di notizie ucraino mrpl.city Rinat Akhmetov, aggiungendo di essere rimasto in Ucraina dall'inizio della guerra con la Russia: «Crediamo nel nostro Paese e crediamo nella nostra vittoria», ha affermato. Akhmetov oltre ad essere il proprietario dell'acciaieria Azovstal di Mariupol, è un imprenditore, dirigente sportivo e magnate ucraino, presidente della System Capital Management, una delle imprese industriali leader nella finanza ucraina, e della società di calcio Shakhtar Donetsk.

© RIPRODUZIONE RISERVATA