Afghanistan, «no a quote di rifugiati in Europa». Germania: parlare di numeri non è saggio

Afghanistan, «no a quote di rifugiati in Europa». Germania: parlare di numeri non è saggio
3 Minuti di Lettura
Martedì 31 Agosto 2021, 15:32 - Ultimo aggiornamento: 15:40

«Non credo sia molto saggio parlare di numeri, perché i numeri ovviamente innescano un effetto calamita e non lo vogliamo». Lo ha detto il ministro degli Interni tedesco, Horst Seehofer, prima di entrare alla riunione straordinaria con i suoi omologhi europei parlando della possibilità di stabilire delle quote nell'Unione europea per accogliere i rifugiati afghani. Il governo federale tedesco ha sempre concordato programmi di insediamento per «persone particolarmente maltrattate» e «siamo pronti anche per questo», ha precisato, esortando l'Ue ad agire «bene e rapidamente» per evitare che si apra una crisi come quella del 2015.

Cani soldato americani «abbandonati a Kabul», l'ira degli animalisti su Joe Biden

Kabul, l'ultimo soldato a lasciare la città: la foto simbolo

Berlino ne vuole aiutare oltre 40mila

La Germania vuole aiutare oltre 40.000 persone a lasciare l' Afghanistan attraverso l'aeroporto di Kabul o via terra attraverso i paesi vicini: lo ha detto il ministero degli Esteri Heiko Maas oggi da Islamabad secondo quanto riporta Deutsche Welle. Maas spera che l'aeroporto sia di nuovo operativo «entro un periodo di tempo calcolabile» e che i voli charter possano decollare da lì. I talebani hanno promesso di garantire l‹uscita di chi vorrà dal Paese ma «se ci si potrà fidare di questo lo vedremo nei prossimi giorni e settimane», ha detto il numero uno della diplomazia tedesca. Di recente l‹ambasciatore pachistano in Germania, Mohammad Faisal, aveva chiarito che il suo paese ha già preso abbastanza rifugiati dall' Afghanistan, tra i 3 e i 4 milioni, come aveva detto al Tagesspiegel.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA