Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Negoziati con i talebani in Afghanistan, le donne temono per i loro diritti

Negoziati con i talebani in Afghanistan, le donne temono per i loro diritti
2 Minuti di Lettura
Domenica 28 Aprile 2019, 16:53

Le donne afghane sono preoccupate di come i negoziati di pace con i talebani influiranno sui loro diritti. Lo ha rivelato uno studio condotto dalla Commissione afghana indipendente per i diritti umani (Aihrc). Lo studio ha intervistato finora circa 4.000 persone in quattordici province. La maggior parte degli intervistati ha affermato che vorrebbero un cessate il fuoco tra le parti in conflitto. Il presidente della Commissione, Sima Samar, ha affermato, dopo aver analizzato i risultati dello studio, che la maggioranza delle persone intervistate ha mostrato preoccupazione per la perdita dei diritti e delle libertà che si sta verificando durante i negoziati di pace e che sono preoccupati per la loro assenza in questo processo.

«Dovremmo ascoltare la voce della gente e condurre una campagna a favore dell'inclusione delle donne in questo processo di pace, non solo perché sono cittadini, ma perché sono state vittime della guerra», ha detto Samar, spiegando che non sarebbe possibile raggiungere la pace senza includere le donne nel processo di negoziazione. «Le donne devono avere una presenza efficace in questo processo, dalla pianificazione di esso alle conversazioni con i talebani e all'attuazione dell'accordo», ha detto.

Questo studio afferma che sebbene le donne siano riuscite a migliorare i loro diritti in alcune aree politiche, sociali, economiche e culturali, devono ancora affrontare sfide serie e alti livelli di vulnerabilità. Di fronte a questa situazione, l'Aihrc ha lanciato un'indagine nazionale su donne, pace e sicurezza per valutare le conseguenze negative della guerra sulla vita delle donne, valutare l'accesso delle donne ai loro Diritti Umani e ricevere le opinioni e le richieste delle donne. 

Secondo le ultime statistiche nazionali raccolte dalle donne delle Nazioni Unite, l'87% delle donne afghane subirà violenze perpetrate principalmente dai loro mariti o parenti. Pertanto, "Un Women" Afghanistan ha lanciato una campagna basata su una serie di testimonianze in cui i cittadini manifestano le «linee rosse» che non sono disposti ad attraversare, come il diritto al lavoro, alla guida, a sposare un uomo scelto e non imposto, a camminare nelle strade o andare a scuola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA