Aereo militare bulgaro precipita nel Mar Nero, tensione tra Bulgaria e Serbia. Belgrado: «Non siamo stati noi»

Aereo militare bulgaro precipita nel Mar Nero, tensione tra Bulgaria e Serbia. Belgrado: «Non siamo stati noi»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Giugno 2021, 17:52 - Ultimo aggiornamento: 18:07

Un comunicato stampa del ministero della Difesa serbo ha smentito le dichiarazioni su un possibile coinvolgimento serbo nella caduta dell'aereo militare bulgaro nel Mar Nero: «In merito alle affermazioni e speculazioni inesatte e malevole fatte dal giornalista bulgaro Grigor Lilov, riprese da alcuni media, il ministero della Difesa informa che i militari serbi non hanno eseguito azioni missilistiche il giorno dell'incidente del Mig-29 bulgaro» è possibile leggere nel comunicato di Belgrado.

Trasporto aereo, sciopero generale 6 luglio

Cosa è successo?

La notte del 9 giugno scorso un aereo militare bulgaro è precipitato nella zona del Mar Nero, mentre era impegnato in un esercitazione. All'esercitazione tattica partecipavano 1.500 militari bulgari, statunitensi e serbi delle forze terrestri, dell'aeronautica e della marina. L'esercitazione si stava svolgendo in Bulgaria nella zona del capo Shabla sul Mar Nero dove era avvenuto l'incidente. I pezzi dell'aereo sono stati ritrovati sul fondale del mare, ma non il corpo del pilota e la scatola nera del velivolo. 

Meteo, il "cielo giallo" sull'Italia. Foto satellitari: sabbia sahariana per giorni. Afa record

Le dichiarazioni dei militari

I militari serbi che partecipavano all'esercitazione con alcune unità di difesa aerea hanno dichiarato: «Non dimentichiamo che la Serbia è un rivale geopolitico della Bulgaria, e che ha concentrato armamenti lungo il nostro confine. E non dimentichiamo che recentemente negli ambienti governativi internazionali e diplomatici è circolata una mappa che ha provocato scandalo. Il suo messaggio principale erano i nuovi confini nei Balcani della Grande Serbia» aggiunge Lilov.

© RIPRODUZIONE RISERVATA