Australia, una legge impedisce ai pedofili condannati di ottenere il passaporto

Martedì 30 Ottobre 2018
Sydney - Divieto per i pedofili condannati da un tribunale di viaggiare all'estero. E' quanto ha deciso l'Australia con una legge entrata in vigore da poco. Sono finora 857 le persone condannate per reati sessuali su minori ai quali il governo australiano ha negato il passaporto sulla base della legge — la prima al mondo — che contrasta il fenomeno del turismo sessuale impedendo agli orchi di attraversare le frontiere. Il dato è stato fornito dal portavoce dell’Australian Passport Office, Ross Tysoe, che ha riferito che altri 39 uomini sono stati fermati al momento in cui si accingevano a lasciare il paese. La norma prevede che il divieto di viaggiare all’estero si applichi solo per un certo periodo di tempo dopo una condanna, cioè per il periodo in cui il loro nome è presente nel registro dei colpevoli di abusi sessuali su minori; finito questo periodo può essere fatta richiesta per riavere il passaporto. Le persone attualmente nel registro dei condannati per violenze sessuali sono circa ventimila.

Il provvedimento è stato particolarmente sostenuto dalle ong che da anni denunciano il fenomeno del turismo sessuale. L'ong Destiny Rescue dal 2011 ha già riscattato oltre tremila minori in Cambogia, Filippine, Thailandia e India che erano finiti in questa morsa di violenza e abusi. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani