Abusa di una ragazzina di 11 anni: «Credevo fosse più grande». E i giudici gli danno ragione

Domenica 16 Dicembre 2018
Abusi su una ragazzina di 11 anni: «Credevo fosse più grande». E i giudici gli danno ragione
Una sentenza che farà discutere molto: un 25enne è stato assolto dalle accuse di stupro nei confronti di una ragazzina di appena undici anni. Il giovane, infatti, aveva sostenuto che la ragazzina fosse consenziente e di aver creduto che fosse più grande. Il tribunale gli ha dato ragione, assolvendolo dalle accuse di violenza sessuale nei confronti della giovanissima vittima.

Violenta le due figlie per undici anni, arrestato dai carabinieri



Secondo la difesa dell'imputato, il 25enne era convinto che la ragazzina avesse almeno 15 anni. I fatti, come riporta 20minutos.es, sono avvenuti a Madrid e risalgono al 2014, quando, per legge, l'età minima del consenso era fissata a 13 anni (solo un anno dopo, la riforma del codice penale spagnolo ha alzato l'età a 16 anni). Il giovane era stato rinviato a giudizio e per lui i pm avevano chiesto una pena di nove anni di carcere.

Il tribunale ha deciso di dare ragione all'imputato, alla luce delle dichiarazioni molto contraddittorie rese dalla ragazzina. Secondo gli inquirenti, infatti, la giovanissima era consenziente e la sua unica preoccupazione, al momento della denuncia, era quella di non essere rimasta incinta per evitare di essere sgridata dai genitori. I due si erano conosciuti nell'agosto del 2014, in un parco, mentre entrambi passeggiavano con i loro cani. Subito dopo, il 25enne avrebbe proposto alla ragazzina di fare sesso, trovando pieno consenso.

La beffa, per la famiglia della vittima della vicenda, è comunque doppia: una perizia psichiatrica ha riconosciuto la ragazzina, affetta da disturbi del comportamento e dell'apprendimento, come non pienamente capace di intendere e di volere, ma non sarà possibile fare ricorso contro la sentenza di assoluzione. Il primo processo a carico dal 25enne, anche in quel caso riconosciuto come innocente, era infatti stato annullato dal Tribunale supremo e la sentenza giunta due giorni fa è quella del processo bis, che per legge è inappellabile. Ultimo aggiornamento: 13:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il dilemma d inizio primavera: corsa in villa o carbonara?

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma