Aborto, Starbucks segue Amazon: rimborserà le dipendenti che vogliono abortire

Aborto, Starbucks segue Amazon: rimborserà le dipendenti che vogliono abortire
3 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Maggio 2022, 20:05

Con il diritto d'aborto messo in serio dubbio negli Stati Uniti, alcune multinazionali stanno già pensando ad alcune contromisure per le dipendenti. E così Starbucks, nota catena di caffè con sede a Seattle, aggiungerà la copertura dei viaggi per l'aborto ai benefit sanitari. La multinazionale che ha da poco aperto un negozio anche a Roma rimborserà le lavoratrici statunitensi se devono viaggiare a più di 100 miglia da casa per abortire. La comunicazione è stata data lunedì.

La politica di Starbucks

Starbucks ha coltivato con cura la sua immagine nel corso degli anni come azienda progressista, difendendo questioni come il matrimonio gay e offrendo ai suoi dipendenti vantaggi migliori rispetto ad altri grandi operatori.

Stati Uniti, legge sull'aborto bloccata dal Senato. Biden: «Continueremo a combattere per le donne»

Amazon e Microsoft seguono la catena di caffè

La catena di caffè globale si unisce ad Amazon.com Inc (AMZN.O), Microsoft Corp (MSFT.O) e a un piccolo ma crescente elenco di altre aziende che offrono questo beneficio, dato che alcuni Stati americani impongono restrizioni più severe sull'aborto.

Stati Uniti, il ritorno di Trump: i candidati del tycoon vincono alle primarie

Il diritto d'aborto

La questione sul diritto d'aborto è diventata urgente dopo che il sito web Politico ha pubblicato una bozza di parere trapelata dalla Corte Suprema degli Stati Uniti. Nel documento si legge che una maggioranza conservatrice di giudici è favorevole al rovesciamento della decisione Roe v. Wade, che ha legalizzato l'aborto in tutta la nazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA