Far West mon amour, gli stivali texani sono il must della primavera

Venerdì 13 Aprile 2018 di Costanza Ignazzi


Sellate i cavalli, rispolverate il cappello da cowboy e ripassate il look di Madonna nel video di Don't tell me. Questa primavera (ma anche il prossimo autunno, se tutto va come deve) indosseremo solo stivali texani. Un po' Casa nella prateria un po' Mezzogiorno di fuoco ma in versione chic - la nuova frontiera dello stile è solo una: il wild wild West.
 

 

Era qualche anno che il richiamo dell'Ovest selvaggio si manifestava nella moda con cappelli da gaucho e cinture da mandriano: ora, per la bella stagione, a imperversare sono gli stivali in stile western che andrebbero benissimo per un'eventuale corsa all'oro. I cowboy boots, partiti dalle passerelle e subito adottati dallo streetstyle si tingono di mille colori e fantasie, si accorciano alla caviglia o si allungano in versione cuissard, e soprattutto si indossano senza paura per il caffè con le amiche, l'appuntamento serale e perfino in ufficio.
 
ROSSO SANGUE
In principio furono Raf Simons e la sua prima collezione per Calvin Klein in salsa American Dream, tra coloratissime camicie western e lunghi trench di pelle perfetti per cimentarsi con il lazo. Certo, il sogno americano dipinto dallo stilista belga era più che altro un incubo e i camperos macchiati di rosso evocavano schizzi di sangue: nulla che potesse intaccare, comunque, la potente eco delle praterie. Lo stesso avvertito da Maria Grazia Chiuri, che per la Dior Sauvage Cruise Collection 2018 ha scelto l'Upper Las Virgenes Canyon vicino Los Angeles, famoso per aver fatto da ambientazione ad alcuni film del genere: in passerella ampie gonne a pieghe direttamente uscite da La Signora del West e cappelli bolero per ogni modella. Perfino l'insospettabile Donatella Versace non ha saputo resistere e ha inserito qua e là, nella collezione tributo al fratello Gianni, camicie di jeans, giacche con le frange e stivali alla caviglia tempestati di fibbie dorate.

LE INTERPRETAZIONI
Riportati in auge anche dalle ultime sfilate di Londra, Parigi e Milano, amati dalle it girl come Millie Bobby Brown e Alexa Chung, i texani hanno quel sapore vintage che piace alle nostalgiche e quel lato estroso imperdibile in primavera. Ma nemmeno le collezioni autunno/inverno accennano ad abbandonare la tendenza: Isabel Marant, che da sempre ha un debole per il Far West, ha scelto per tutte le sue creazioni stivali con punta di metallo nei toni neutri del beige, nero, bianco e grigio. «Cercavo un'interpretazione moderna del classico western, più Jim Jarmusch che Clint Eastwood», ha spiegato la designer, che ha abbinato i suoi cowboy boots a cinture borchiate, poncho a fantasia geometrica ma anche maxidress floreali. Fendi a Milano ha mandato in passerella ben 48 modelli diversi, di ogni forma e dimensione: dalla delicata versione ankle boots in rosa pastello sfoggiata da Bella Hadid a quella principe di Galles, passando per la pelle di coccodrillo gialla o azzurro cielo. Maison Margiela ha voluto i camperos in versione destrutturata, a metà tra stivaletti e sabot, mentre Dsquared2 ha sfoderato sandali alti al polpaccio con ricami western: ironici e glamour quelli di Coach, rosa con paillettes e fibbia glitterata, che avrebbero fatto impazzire le aspiranti Paris Hilton degli anni 2000.

VERSIONE MINIMAL
Per chi non avesse intenzione di spendere un capitale i marchi più low cost offrono l'imbarazzo della scelta: i modelli Topshop sono ad altezza ginocchio in camoscio rosso o beige stretti alla caviglia, Zara li propone in versione minimal bianco ghiaccio. Classici quelli neri di Steve Madden, mentre Jeffrey Campbell punta su chi osa, nella fattispecie il maculato. Abbinarli senza sembrare uscite da un film di Sergio Leone? Basta stemperarli con un look al limite del basico, magari monocolore come insegna l'ultima tendenza, o osare con un abito in stile folk: le sconfinate pianure del West non saranno mai sembrate così vicine.

 

Ultimo aggiornamento: 14 Aprile, 08:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti