Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rosario Dawson, dal cinema alla moda per aiutare le donne

Rosario Dawson, dal cinema alla moda per aiutare le donne
1 Minuto di Lettura
Lunedì 22 Giugno 2015, 18:53 - Ultimo aggiornamento: 15 Luglio, 19:51

TAORMINA – La moda come agente di cambiamento sociale ovvero «Studio One Eight Nine». Per questa bella iniziativa Rosario Dawson e Abrima Erwiah hanno ricevuto il Taormina Humanitarian Award, premio riservato agli artisti che dedicano la propria vita anche all'impegno umanitario. Nel Teatro Antico della storica città siciliana, sede del Taormina Film Festival, le due artiste hanno presentato alcuni abiti realizzati dalle “loro” donne in favore della Sierra Leone. La bellissima attrice statunitense, 36enne, che ha recitato in film come “La 25esima ora” di Spike Lee ha fondato insieme all'esperta di moda “Studio 189”, un'impresa sociale che usa la moda come agente di cambiamento sociale, creando opportunità di lavoro e valorizzazione per le donne. «Questa ora è la mia vita – afferma l’attrice – lo Studio è il nostro bambino, la nostra creatura, ha solo due anni e deve ancora crescere molto ed essere sviluppata. Volevo fare qualcosa di importante nella mia vita, e questo è un motivo valido per essere al mondo». La stessa Dawson ha curato la collezione artigianale Fashion Rising, lanciata nel 2013 in supporto al One Billion Rising, la più grande azione di massa per porre fine alla violenza contro le donne. Un esempio di collaborazione tra artisti, designer e artigiani attraverso la creazione di una moda più sostenibile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA