Moda, nasce “Annakiki for Huawei”, una linea che combina creatività umana e intelligenza artificiale

Domenica 12 Maggio 2019
La creatività umana combinata con l'intelligenza artificiale. E' nato Fashion Flair, un progetto sperimentale nel campo della moda ideato dall'azienda cinese Huawei che assieme a un'équipe di sviluppatori italiani ha dato vita a un'applicazione dedicata agli smartphone P30 e P30 Pro, che è stata addestrata con decine di migliaia di immagini iconiche di moda dell'ultimo secolo e uno specifico set di scatti tratti dalle ultime collezioni di Annakiki, partner del progetto.  Attraverso i consigli” dell'intelligenza artificiale, la casa di moda ha dato vita alla collezione inedita Annakiki for Huawei”, composta da 20 outfit che riprendono anche la gamma dei colori degli smartphone. Gli abiti hanno sfilato a Milano e saranno acquistabili online nello store di LuisaViaRoma. Parte dei proventi della vendita della collezione saranno utilizzati per finanziare un progetto speciale a supporto dei giovani talenti di una delle principali accademie di Fashion Design italiane.

«In Huawei lavoriamo per creare progetti che uniscano tecnologia e talento umano, l'espressione artistica è frutto di un intenso lavoro di ricerca, di studio e di osservazione e ogni designer combina poi questi fattori in maniera unica e distintiva», ha detto Isabella Lazzini, Marketing & Retail Director Huawei CBG Italia. «Fornendo i parametri base per la realizzazione di un abito, come colore, lunghezza, volume e texture, l'Intelligenza artificiale è in grado di fornire uno spunto creativo ai designer da cui partire per poi realizzare le loro creazioni. La tecnologia e gli smartphone sono parte delle nostre vite, perché quindi non farli diventare un'ulteriore fonte di ispirazione?».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in campo per Sara tre anni dopo la tragedia

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma